Home Benessere Problemi di coppia: quali sono le cause e come risolvere i problemi

Problemi di coppia: quali sono le cause e come risolvere i problemi

324
0
coppia

Possiamo dire in generale che tutte le coppie hanno problemi. Infatti può capitare che in una relazione ci siano degli argomenti per cui si discute. Di solito si tratta di piccole problematiche di carattere quotidiano, le quali però vanno affrontate nel modo più giusto. A lungo andare, infatti, anche i piccoli problemi possono danneggiare il rapporto di coppia. Non è opportuno cercare di nasconderli o cercare di ignorarli, perché altrimenti ad un certo punto possono arrivare ad essere determinanti. Meglio invece affrontarli nel migliore dei modi, cercando una soluzione più adeguata e cercando così di risolverli mettendo tutto in chiaro. Ma quali sono questi problemi più comuni all’interno della coppia? Cerchiamo di definirli, trovando anche i consigli che possono essere efficaci.

Come rafforzare l’autostima

Per risolvere alcuni problemi che possono insorgere in una coppia, potrebbe essere utile valutare prodotti pensati per l’uomo, per un benessere che sicuramente è essenziale per la salute personale e per avere una certa influenza ad esempio sull’autostima.

Infatti non fa bene tenersi tutto dentro, ma a volte bisogna esplicitare le problematiche che si avvertono, perché soltanto parlandone si può favorire l’armonia di coppia. Bisognerebbe che i due partner imparassero a confrontarsi reciprocamente in maniera molto più serena, perché tutto ciò porta ad un rafforzamento dell’autostima e ad una crescita personale.

Non costruire mura invalicabili

A volte si ha la paura di rimanere feriti e quindi, proprio in nome di questa tendenza, si tende a fuggire e a costruire tra i partner delle mura che spesso appaiono invalicabili. Non bisogna però lasciarsi sopraffare da questo meccanismo di difesa.

Naturalmente la paura può essere comprensibile, però innalzare delle pareti nel rapporto di coppia non fa affatto bene. La soluzione è sempre rispettare la regola del dialogo e della vicinanza di carattere emotivo.

Si potrebbe per esempio provare a condividere gli stessi interessi, in modo da sentirsi più intimamente connessi.

Non compiacere troppo il partner

Spesso capita che quando si è innamorati si vorrebbe fare di tutto per garantire la felicità dell’altra persona. Sicuramente è importante prendersi cura dell’altro, ma non bisogna esagerare e volerlo compiacere a tutti i costi.

Questo comportamento potrebbe portare ad una reazione opposta, a fare in modo che il partner si senta in trappola sotto un controllo che appare troppo stretto. Invece, anche se si vuole prendersi cura dell’altra persona, quest’ultima dovrebbe essere libera di esprimersi, per esplicitare ciò di cui ha bisogno. Altrimenti si rischia di ostacolare il suo percorso di crescita personale.

Non essere troppo perfezionisti

Un’altra regola fondamentale che si dovrebbe tenere presente nelle relazioni di coppia consiste nell’opportunità di non essere perfezionisti. Spesso ci si pongono degli obiettivi difficili da raggiungere, sia per se stessi che per il proprio partner. Questo può creare molta tensione in una relazione, perché, nel momento in cui gli obiettivi non si raggiungono perché troppo difficili, si sperimenta la delusione dovuta ad una sensazione di fallimento.

Il partner stesso si potrebbe sentire frustrato e pensare di non essere all’altezza delle aspettative. Al contrario è molto importante accettare le debolezze di ciascuno dei due membri della coppia.

Non attribuire per forza di chi è la colpa

A volte sia l’uno che l’altro partner possono commettere degli errori anche inconsapevolmente. È difficile che esista il rapporto di coppia sano alla perfezione. Ma per riconoscere i limiti di ciascuno non necessariamente si deve attribuire in maniera distinta il bene e il male, il torto e la ragione.

Non bisognerebbe mai puntare il dito nei confronti di un presunto colpevole. Quando litighi con il tuo partner, pensa che non devi dimostrare necessariamente che tu hai ragione e che la colpa è sua. Infatti in questo modo finiresti solamente con l’attaccarlo, con un atteggiamento controproducente.