Home Curiosità Luci di Natale: ecco come scegliere quelle giuste

Luci di Natale: ecco come scegliere quelle giuste

399
0
christmas

Con l’arrivo del Natale, la voglia di trasformare la propria abitazione per renderla festosa e accogliente diventa sempre più forte.

Gli interventi che si possono fare sono davvero tanti e vanno dall’addobbo dell’albero al posizionamento dei festoni intorno alle cornici di porte e finestre. Quello che più di tutti è in grado di rendere l’atmosfera davvero coinvolgente e ricca di aspettative è però uno solo: il posizionamento delle luci di Natale.

Calde o fredde, bianche o colorate, fisse o intermittenti. Le luci natalizie sono dei veri must have in grado di trasformare l’ambiente domestico in un regno magico. Per raggiungere questo risultato è però indispensabile scegliere quelle giuste.

La scelta delle luci

Le luci di Natale non sono tutte uguali. La differenza tra le une e le altre non è solo estetica, ma riguarda anche alcuni elementi tecnici che devono essere valutati attentamente prima dell’acquisto, così da non riscontrare problemi durante il loro utilizzo.

In particolare, è possibile trovare luci:

  • utilizzabili anche all’esterno o esclusivamente in ambienti chiusi e riparati dalle intemperie;
  • dotate di diversi tipi di lampadine;
  • alimentate tramite cavo elettrico, batterie o luce solare.

Come capire se le luci natalizie sono adatte all’uso esterno

Se avete deciso di addobbare non solo l’interno della vostra abitazione, ma anche il cortile, il balcone o semplicemente la cornice esterna delle finestre o della porta di casa, dovete assicurarvi che le luci scelte siano adatte a questo tipo di utilizzo.

A tal fine, oltre a verificare che sia presente la dicitura “per uso esterno sulla confezione oppure, in caso di acquisto online, sulla scheda prodotto, dovrete controllare l’IP o Indice di Protezione, il quale fa riferimento allo standard IEC 60598-1:2020 e consente di capire immediatamente qual è il loro livello di resistenza agli agenti atmosferici.

Per fare un esempio, l’indice IP44 indica la resistenza delle luci agli schizzi, mentre l’IP67 identifica i corpi luminosi in grado di resistere alla polvere e alle immersioni.

Il tipo di alimentazione

Tra gli aspetti tecnici da tenere maggiormente in considerazione rientra il tipo di alimentazione, il quale deve essere adatto al luogo in cui le luci verranno posizionate.

Chi desidera utilizzare una catena di luci per decorare l’albero e ha scelto di posizionarlo vicino a una presa elettrica, non avrà problemi e potrà tranquillamente optare per le luci da collegare alla corrente. Se però si desidera disporre dei fili luminosi in altre zone della casa, ad esempio intorno ai bordi delle mensole, o si vogliono creare vere e proprie tende fatte di lucine bianche o colorate, sarà preferibile puntare su quelle alimentate a batteria.

Per quanto riguarda le luci da esterno, è possibile puntare su quelle alimentate tramite energia solare, così da ottenere un maggiore risparmio energetico.

Quale luce scegliere

Sebbene le luci al neon e quelle a incandescenza siano ancora utilizzate per la realizzazione di decorazioni natalizie luminose, oggi in commercio è più semplice trovare prodotti realizzati con i led. Questo dipende dal fatto che queste piccole luci offrono notevoli vantaggi. Oltre a durare a lungo e ad essere resistenti, sono caratterizzate da un basso consumo energetico, caratteristica oggi più importante che mai, e si scaldano meno rispetto ad altri tipi di luce.

Oltre a questo, consentono di ottenere effetti molto gradevoli e di giocare liberamente con le forme, creando vere e proprie sculture di luce, ma anche tende luminose o semplici fili da far correre intorno all’albero, a porte e finestre, ai bordi dei mobili o dovunque si desideri.

Luci natalizie: quale tipologia scegliere

Negozi specializzati ed e-commerce come quello di Leroy Merlin offrono una vasta scelta di luci di Natale. Oltre alle classiche catene composte da tante piccole luci colorate disposte lungo fili verdi, neri, bianchi o trasparenti, è possibile trovare luci a cascata, a tenda, ma anche usate per creare forme particolari, come renne, pupazzi di neve, stelle, alberi natalizi e via dicendo.

Per scegliere quelle giuste, è necessario comprendere dove si intende posizionarle. Chi desidera utilizzarle per decorare l’albero, può optare per i fili di luci, sia a catena, da posizionare tutt’attorno alla pianta, sia a cascata. Queste ultime, fermate sulla punta e lasciate ricadere verso il basso, sono in grado di creare un effetto moderno e originale.

Le luci a cascata sono perfette per creare tende luminose davanti alle finestre, mentre quelle a catena sono adatte anche per illuminare i bordi dei mobili e le cornici di porte e finestre.Le luci a forma di simboli natalizi, disponibili anche in grandi dimensioni, sono la scelta perfetta sia per addobbare cortili e giardini sia per l’interno dell’abitazione. Mentre nel primo caso possono essere poste ai lati della porta d’ingresso o in una zona particolare del cortile, nel secondo risultano perfette se collocate sotto l’albero, di fianco al divano o, se di piccole dimensioni, su credenze e scaffali.

Previous articleCome rendere più moderna una casa vecchia (spendendo poco)
Next articleCannabis light: quali sono le proprietà e gli effetti