Home Curiosità Il consumo di insetti si affermerà presto anche nella cultura occidentale?

Il consumo di insetti si affermerà presto anche nella cultura occidentale?

491
0

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) prevede che entro il 2050 la popolazione mondiale raggiungerà i 9 miliardi di persone e che ci sarà una minore disponibilità di cibo. Questa previsione ha richiesto forti discussioni non solo sullo spreco alimentare in tutte le fasi della produzione dal campo alla tavola, ma anche sui suoi migliori usi. Fonti alternative come il consumo di insetti, abitudine alimentare tradizionale in alcuni paesi prevalentemente asiatici, sono state sperimentate in altre regioni, incontrando barriere culturali e igieniche.

Gli insetti sono fonti di cibo altamente nutritive e salutari, ricche di grassi, proteine, vitamine, fibre e minerali con valori nutrizionali molto variabili a seconda della specie, dello stadio metamorfico all’interno della stessa specie e dell’habitat in cui vive.

Gli insetti sono tra gli organismi più diffusi e abbondanti sul pianeta, con circa 30 milioni di specie che possono sopravvivere in luoghi diversi, dai deserti alle montagne, e che insieme accumulano il maggior volume di biomassa tra tutti gli esseri viventi. Si stima che ci siano più di 200 milioni di insetti per ogni essere umano, il che significa 140 chilogrammi di insetti per ogni chilogrammo che ogni essere umano accumula. Specie come i grilli hanno bisogno di mangime relativamente sei volte inferiore rispetto ai bovini e due volte meno di suini e polli da carne, per produrre la stessa quantità di proteine, emettendo meno gas serra e altri inquinanti.

Mangiare insetti: sì o no?

2 miliardi di persone in tutto il mondo integrano la loro dieta con insetti ed esiste già una produzione commerciale di questi animali per il consumo umano, come negli allevamenti di grilli in Laos, Vietnam e Thailandia. Nel caso specifico del Laos, la FAO ha sviluppato un progetto di allevamento di insetti, che si avvale della conoscenza di 15.000 allevatori familiari che da decenni coltivano locuste.

La maggior parte degli esseri umani considera il consumo di insetti come una pratica “primitiva” e che per scopi estetici e psicologici sono considerati animali nocivi, sporchi, trasmettitori di malattie e visti come parassiti, forse con l’unica eccezione delle api. Questa associazione con la ripugnanza è spesso alimentata da spot televisivi che invitano all’uso indiscriminato di insetticidi, provocando una notevole quantità di animali le proteine ​​diventano indisponibili per la parte della popolazione mondiale che soffre la fame e la malnutrizione. “Mangiare o non mangiare insetti dipende dalla variabilità delle scelte individuali,

È importante sottolineare che le abitudini alimentari sono normalmente influenzate da circostanze personali, culturali ed economiche, oltre che da fattori politici interni ed esterni. Di solito si osserva che le persone che ad un certo punto hanno subito un qualche tipo di privazione alimentare sono quelle con il più ampio spettro di potenziali alimenti che possono essere ingeriti. In altre parole, sono persone che avevano un maggiore bisogno di provare nuove fonti di cibo.

In uno studio del 2013 la FAO sostiene che persone in tutto il mondo hanno mangiato insetti e altri animali come ragni, lucertole e uccelli come parte regolare della loro dieta per millenni, la pratica di mangiare insetti è nota come entomofagia. Tuttavia mangiare insetti è ancora un tabù in molte società occidentalizzate, il che significa che la produzione di insetti per l’alimentazione umana e animale è stata in gran parte assente dalle grandi innovazioni agricole e zootecniche emerse negli ultimi secoli, con poche eccezioni come le api.

Sempre secondo la FAO a livello globale, gli insetti più comunemente consumati sono i coleotteri (Coleoptera) nelle forme larvali o adulte, il 31%, in quanto costituiscono circa il 40% di tutte le specie di insetti conosciute. Il consumo di bruchi (lepidotteri), particolarmente diffusi nell’Africa subsahariana è stimato al 18%, api, vespe e formiche (Imenotteri) più diffusi in America Latina e consumati allo stadio larvale e pupale sono al terzo posto, con il 14%, seguono cavallette e grilli (Orthoptera) con il 13%, cicale, cicaline, cocciniglie e cimici (Hemiptera) 10%, termiti (Isoptera) 3%, libellule (Odonati) 3%, mosche (Ditteri) 2% e altri 5 %.

Come consumare gli insetti?

Esistono diversi modi per consumare gli insetti crudi, arrostiti, cotti, fritti o disidratati. In alcune regioni del Brasile, il consumo di insetti è presente nei piatti tradizionali, come nel caso della cucina popolare formiche conosciute come Tanajura o íça a Minas Gerais, Amazonas.

In Colombia si arrostiscono i posteriori delle formiche tagliafoglie, che sanno di popcorn, i thailandesi consumano le formiche rosse e le loro larve saltate o in insalata. Le larve di vespe o vespe adulte vengono consumate in Giappone cotte in salsa di soia e zucchero fino a renderle croccanti.

In Messico le uova della gigantesca formica nera Liometopum vengono bollite o fritte e consumate in tacos e tortillas dal sapore burroso che ricorda la ricotta. Si chiama caviale di insetti.

Una prelibatezza per cambogiani e venezuelani, la tarantola viene tradizionalmente fritta in olio bollente con sale, zucchero, aglio e pepe prima di essere venduta intera al sapore di granchio.

In Africa occidentale, Australia e parti del Sud America, le termiti vengono consumate crude, fritte o arrostite. Crudo ha un sapore salato e si avvicina al legno consumato e arrostito ha un sapore dolce.

Grilli croccanti e abbrustoliti, si consumano in Messico con il limone come se fossero degli snack per via del loro sapore salato e pepato.

Scorpioni, cicale e libellule: si mangiano cotti o fritti e sono molto diffusi in paesi come Giappone, Indonesia, Vietnam, Thailandia e Cina.

Insomma, ci sono davvero tantissimi modi per consumare gli insetti e tra questi alcuni probabilmente si affermeranno molto presto anche nella cultura occidentale.