Home Prodotti e Servizi Grandine e i guai sulle auto, ecco come intervenire

Grandine e i guai sulle auto, ecco come intervenire

516
0

In fondo, chi è solito viaggiare in auto sa perfettamente che condivide con tutti gli altri automobilisti le tipiche problematiche legate agli eventi atmosferici.

Ad esempio, la grandine, che rappresenta un rischio che è molto diffuso soprattutto durante la stagione estiva e può diventare addirittura un incubo.

In effetti, i fenomeni meteorologici di grande impatto e violenza continuano ad aumentare nel corso degli ultimi anni e non deve stupire come, chi ha un’auto, tema particolarmente le forti grandinate di certe giornate estive. I cambiamenti climatici sono sotto gli occhi di tutti, quindi, ed è chiaro che preservare la carrozzeria della propria vettura rappresenta una priorità da non sottovalutare.

Cosa fare in caso di grandinata

Qualora purtroppo non foste riusciti a intervenire per tempo e la vostra vettura fosse finita o rimasta nel bel mezzo di una grandinata, bisogna per forza di cose sistemare i danni. Per questo motivo, si consiglia di scegliere una carrozzeria Reggio Emilia o in un’altra città italiana che sia il più possibile affidabile e precisa.

È difficile fare una stima, tra le altre cose, del costo della riparazione di una grandinata. Prima di tutto, perché tutto dipende dall’intensità con cui si verifica la grandinata.

È chiaro che sia le dimensioni dei chicchi di grandine, ma pure la durata dell’evento possono fare notevolmente la differenza e influire di conseguenza sul prezzo. In ogni caso, una stima molto generica e approssimativa prende in considerazione un danno che va da 500 fino a 5 mila euro.

Come ci si può tutelare

Per potersi riparare nel migliore dei modi rispetto alla grandine, ecco che una delle soluzioni da perseguire potrebbe essere quella di provvedere alla stipula di una polizza assicurativa che sia comprensiva, tra le diverse garanzie, anche di quella correlata ai fenomeni naturali e atmosferici.

Altrimenti, si può sempre prendere in considerazione l’idea di comprare un telo antigrandine.

Come si può facilmente intuire, si tratta di soluzioni utili per chi non ha a disposizione un garage o una tettoia sotto cui riparare la vettura.

Una delle garanzie a disposizione maggiormente sfruttate è sicuramente rappresentata dall’assicurazione. Si tratta di inserire nell’abituale contratto una specifica garanzia accessoria dedicata proprio alla tutela contro gli eventi naturali.

Qualora dovessero esserci dei danni provocati da una violenta grandinata, di conseguenza, l’auto rimarrà in ogni caso protetta, anche se a danneggiarla fossero altri agenti atmosferici particolarmente forti e importanti.

In caso di inserimento di una simile garanzia nella propria rc auto, è da mettere in evidenza come siano inclusi anche i vari danni che potrebbero essere provocati dal ghiaccio, così come da fenomeni naturali quali esondazioni, alluvioni, mareggiate e simili. In ogni caso, il suggerimento migliore da seguire è pur sempre quello di verificare con la massima attenzione le clausole che sono state inserite nel contratto, dato che, nella maggior parte dei casi, per l’aggiunta di queste garanzie sono previste delle franchigie.

Perché conviene affidarsi a dei professionisti

Qualora si dovessero notare dei danni sulla propria vettura per colpa della grandine, la cosa migliore da fare è quella di stare alla larga dalle soluzioni tipicamente fai da te.

È chiaro che certi interventi, soprattutto da parte di chi non ha la minima esperienza, possono solamente andare ad aggravare la situazione e la problematica occorsa alla carrozzeria dell’auto.

Meglio evitare di seguire tutorial online che consigliano, ad esempio, di parcheggiare l’auto che ha subito dei danni alla carrozzeria al sole, visto che l’azione di quest’ultimo andrebbe a sistemare le ammaccature.

Meglio fare riferimento a dei professionisti, in grado di assicurare un ottimo risultato, evitando che il danno peggiori, sempre con tempistiche ridotte e limitate.

 

 

Previous articleStampanti a getto d’inchiostro o laser? Come scegliere e i vantaggi da considerare
Next articleCome arredare il bagno in perfetto stile industrial