- Ideazionenews - http://www.ideazionenews.it -

Formazione obbligatoria sicurezza sul lavoro

DATORI DI LAVORO “RESPONSABILE DEL  SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE”

I datori di lavoro che intendano svolgere il ruolo di “Responsabile del Servizio Prevenzione  e Protezione” dovranno seguire una  formazione della durata minima di 48, 32, 16 ore a seconda della classe di rischio  (alta, media, bassa) cui appartiene l’azienda ( codici ATECO ). I contenuti sono indicati in 4 moduli formativi:  normativo – gestionale – tecnico – relazionale.

E’ prevista una “VERIFICA di APPRENDIMENTO FINALE” ed il rilascio della CERTIFICAZIONE  DI FREQUENZA comprensiva di verifica di apprendimento.

Riconoscimento formazione pregressa ed aggiornamenti  quinquennali

Sono esonerati dalla “formazione base” coloro che, ai sensi dell’art. 95 del D.Lgs.  626/1994, hanno trasmesso la nomina di “Responsabile del Servizio di Prevenzione e  Protezione” e le informazioni contenute nell’art. 10, 2 comma lettere a, b, c del D.Lgs.  626/1994 all’Asl competente e alla Direzione Provinciale del Lavoro entro il 31 dicembre 1996.

In questo caso sarà necessario un aggiornamento entro l’ 11 gennaio 2014. La formazione “di aggiornamento” avrà  durata variabile di 6, 10, 14 ore sulla base del rischio individuato dal codice ATECO dell’azienda.

Per tutti coloro che hanno frequentato i corsi in linea con il D.M. 16.01.1997 è previsto un  obbligo di aggiornamento quinquennale entro il prossimo 11 Gennaio 2017.

Per le nuove attività è confermato l’obbligo formativo entro 90 giorni dall’inizio dell’attività (è stata parificata la necessità di essere formati con la necessità di avere la “valutazione del rischio aziendale” come indicato dall’art. 28, comma 3 bis del Testo Unico).

LAVORATORI 

Ai sensi dell’art. 37 del D.Lgs. 81/2008, il datore di lavoro deve assicurare che ciascun lavoratore ricevi una formazione sufficiente ed adeguata in materia di sicurezza e di salute dell’ambiente di lavoro.

Tutti i lavoratori devono ricevere una formazione generale (4 ore) e una formazione sui rischi specifici, che varia in funzione del livello di rischio dell’azienda: per i settori della classe di rischio basso, medio e alto sono previste 4, 8, 12 ore rispettivamente; perciò i lavoratori di aziende classificate a rischio basso devono ricevere almeno 8 ore di formazione, che diventano 12 per quelle a rischio medio e 16 per quelle a rischio alto.

Per i lavoratori stranieri è necessaria la conoscenza e la comprensione della lingua italiana.

N.B. PER SETTORE COSTRUZIONI: per il comparto delle costruzioni, nell’ipotesi di primo ingresso nel settore – cioè per lavoratori che non siano mai stati impiegati nel settore edile – la formazione effettuata nell’ambito del progetto strutturale “16 ore –MICS PRIMA”, delineato da FORMEDIL, Ente nazionale per la formazione e l’addestramento professionale per l’edilizia, è riconosciuta integralmente corrispondente alla Formazione Generale e alla Formazione Specifica.

Riconoscimento formazione pregressa ed aggiornamenti  quinquennali

NON sono tenuti a frequentare i corsi di formazione (base e specifica) i lavoratori per i quali i datori di lavoro comprovino di aver svolto una formazione in linea alle precedenti previsioni normative (art. 37 dell D.Lgs. 81/08 e D.M. 16.01.1997) ed in linea alla contrattazione collettiva nazionale di riferimento, prima dell’ 11 Gennaio 2012.

Resta per tutti questi lavoratori un obbligo di aggiornamento quinquennale (scadenza 11 gennaio 2017) per seguire i “corsi” della durata minima di 6 ore per tutti i livelli di rischio.

LAVORATORI ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO AZIENDALE

Gli addetti al primo soccorso devono frequentare un corso che prevede una istruzione teorica e pratica per l’attuazione delle misure di primo intervento interno e per l’attivazione degli interventi di primo soccorso.
In particolare, nelle aziende del Gruppo A gli addetti al primo soccorso devono frequentare un corso di 16 ore, mentre nelle aziende dei Gruppi B/C sono previste 12 ore di lezione. Il DM 388/03 prevede un aggiornamento triennale.

LAVORATORI ADDETTI ANTINCENDIO

Il corso per addetti antincendio assicura la formazione dei lavoratori addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione dell’emergenza secondo quanto previsto nell’allegato IX del D.M. 10 marzo 1998.  La durata del corso è funzione del rischio incendio dell’azienda: per il rischio basso, medio e elevato sono previste rispettivamente 4, 8, 16 ore di lezione.

Commenti

commenti