Home | Archivio per il tag: mafia

Archivio per il tag: mafia

Pena ridotta per il fratello di Riina

corte d'appello di palermo

Pena ridotta in appello per Gaetano Riina, fratello del boss corleonese ergastolano Toto’ e accusato di aver gestito gli affari della famiglia prendendone il posto. Otto anni e’ la condanna inflittagli oggi dalla Corte di appello di Palermo presieduta da Raimondo Loforti, quattro in meno dei 12 avuti in primo grado. La decurtazione si deve al venir meno dell’aggravante di aver reimpiegato proventi di attività illecite. Con la stessa sentenza, e’ stata ridotta da 8 anni a 6 anni e 8 mesi la pena per un nipote di Toto’ Riina, Alessandro Correenti, e da 9 a 7 anni per Giovanni ... Continua a leggere »

In memoria delle vittime di mafia

mafia 3

TRAPANI – Venerdì 21 marzo si terrà l’ iniziativa Del Presidio “Gian Giacomo Ciaccio Montalto” di Trapani dell’Associazione LIBERA – Associazioni, Nomi e Numeri contro le mafie, la XIX giornata della memoria e dell’impegno in ricordo di tutte le vittime delle mafie. Libera in quella giornata sarà presente in tutte le più importanti piazze d’Italia, sabato 22 marzo è, invece, prevista la manifestazione nazionale per la quale, a Latina è attesa la presenza di tantissimi cittadini, donne e uomini, giovani e anziani, da ogni parte d’Italia. Venerdì 21 marzo l’appuntamento a Trapani sarà dalle 17.15 alle 20:00 davanti la sede del ... Continua a leggere »

Mafia, patteggiano 4 fiancheggiatori di Matteo Messina Denaro.

messina-denaro-matteo-300x212_0

  Il Gup di Palermo, Cesare Vincenti, ha condannato con il rito abbreviato quattro fiancheggiatori del boss latitante Matteo Messina Denaro. Si tratta di Girolamo Cangelosi (un anno e 4 mesi), Aldo Tonino Di Stefano (2 anni), Antonella Montagnino, vigile urbano del milanese (un anno e 7 mesi) e Vincenzo Peruzza (un anno e 4 mesi). Altri sette imputati verranno giudicati con il rito ordinario. Per quanto riguarda la sorella del boss, Anna Patrizia Messina Denaro, il nipote Francesco Guttadauro e Antonino Lo Sciuto, possono ancora valutare se affrontare il rito ordinario o quello abbreviato. Continua a leggere »