Home | Archivi dell'autore: Emanuele Cusumano

Archivi dell'autore: Emanuele Cusumano

Alcamo Marina; classi sociali scisse da una linea ferroviaria. L’analisi di Luigi Culmone (1979).

Il Dott. Luigi Culmone con l'articolo del 8 agosto 1979 sul Giornale di Sicilia.

Il “caso di Alcamo Marina”; meta del celebre esodo estivo, priva di servizi ma, per la sua stessa topografia, metafora della mentalità degli alcamesi, nonché rappresentazione in cemento del proprio reddito. Questa è la realtà messa in luce da Luigi Culmone in questo suo secondo articolo pubblicato l’8 agosto 1979 sul Giornale di Sicilia e da noi riproposto insieme al primo, già pubblicato su ideazionenews.it. Di seguito l’articolo integrale di Culmone: Alcamo Marina a piramide: i più ricchi stanno a valle La città spaccata in due dalla potenza del denaro Costruirsi una casa nella parte bassa significa assicurare ai propri ... Continua a leggere »

Il caso di Alcamo Marina, un’analisi del ’79 firmata Culmone

Il Dott. Luigi Culmone con  l'articolo del 5 agosto 1979 sul Giornale di Sicilia.

L’estate è alle porte e l’alcamese diviene ancora una volta protagonista del celebre “esodo” verso il litorale. Ogni anno se ne parla e ancor più si dibatte sulla questione “abusivismo edilizio” legata al boom economico degli anni ’60 e ’70. Insomma dei temi sempre attuali ad Alcamo, specie quando si è prossimi al periodo estivo. Immaginiamo adesso di poter tornare indietro nel tempo; siamo alla fine degli anni ’70, e Luigi Culmone, seppur ancora giovane ma già attento osservatore delle dinamiche sociali, riesce a pubblicare sul Giornale di Sicilia ben due articoli in cui analizza e interpreta il fenomeno. Proponiamo ... Continua a leggere »

La psicologia sociale nella tutela dell’ambiente, Fridays for Future Alcamo

Immaginiamo che un ragazzo nella nostra Alcamo abbia la malsana abitudine di gettare le cartacce per terra, questo comportamento è per lui vantaggioso in termini di tempo e attenzione, ma lo è fintantoché tutti gli altri concittadini non gettano anch’essi le cartacce per terra. Egli gode quindi di un beneficio collettivo anche se non dà il suo contributo, in quanto un solo soggetto che getta le cartacce per terra di certo non fa la differenza in termini di inquinamento. Se tutti però la pensassero come lui, evitando così i costi del gettare il rifiuto nell’apposito contenitore, preferendo gettarlo per terra, ... Continua a leggere »

Quando Alcamo venne “Liberata”

Linee di avanzata degli Alleati in Sicilia.

Erano entrati da Porta Palermo e, lentamente, con l’andatura da sfilata dei vincitori, procedevano verso Porta Trapani. A me sembrava una festa, con tutta quella gente ammassata contro i muri dei palazzi e le bandiere che sventolavano allegre i bei colori della bandiera americana”. – La scrittrice Maria Sandias, nel parlare dell’ingresso degli Alleati in Alcamo. Oggi, 25 aprile 2019 festeggiamo il 74° Anniversario della Liberazione d’Italia, ovvero in memoria dell’insurrezione di tutte le forze partigiane del Nord Italia, avvenuta il 25 aprile del 1945, nei confronti delle truppe nazifasciste con l’intento di debellarle dal territorio italiano. Nonostante ciò la ... Continua a leggere »

Alcamo: San Paolo sostituito dalla statua di Garibaldi

Particolare della facciata della Chiesa dei Santi Paolo e Bartolomeo di Alcamo.

È quantomeno singolare che un personaggio laico e anticristiano sia finito per essere S. Paolo Questa l’osservazione di Luigi Culmone, giornalista nonché da sempre cultore della storia, specie di quella alcamese. Dalle informazioni forniteci dal Dott. Culmone, vi sarebbe un particolare alquanto curioso nel prospetto della Chiesa dei Santi Paolo e Bartolomeo di Alcamo. Infatti la statua posta nella nicchia centrale, ovvero al di sopra del portale, sarebbe una rappresentazione di Giuseppe Garibaldi ossia una figura decisamente antitetica a quella dell’Apostolo Paolo. Il fedeli pertanto, da circa un secolo, accettano inconsapevolmente per sacra quella che è la figura di un ... Continua a leggere »

Alcamo e Carboneria: la rivoluzionaria società segreta

Diploma di affiliato alla Carboneria del 1820.

L’ordine di arresto di 94 alcamesi, la “baracca” ovvero la sede della carboneria nella città di Alcamo e il Gran Maestro della “Vendita” Carbonara cioè l’equivalente della “loggia” per la massoneria. Questa era Alcamo nella prima metà del XIX secolo. In un contesto nel quale ad opera del Re Ferdinando I di Borbone venne unificato nel 1816 il Regno delle Due Sicilie, nacque e si sviluppò la famigerata “Carboneria”. Quest’ultima seppure nata originariamente nel Regno di Napoli si pose principalmente l’obiettivo di dotare i paesi Europei di una Costituzione democratica nonché di un valido Parlamento. Ma torniamo ad Alcamo. La ... Continua a leggere »

Alcamo: Il museo d’Arte Sacra all’ interno della Basilica

Parte dell'area dedicata a funzione museale

Oltre 400 metri quadrati di area espositiva per un totale di 150 opere esposte. Così è strutturato il Museo di Arte Sacra della Basilica di Santa Maria Assunta ad Alcamo. Realizzato nel 2010 nei locali adibiti a sacrestia per iniziativa dell’allora Arciprete della Basilica Mons. Antonio Treppiedi, può vantare al suo interno numerosi dipinti, sculture, gioielli e vari oggetti sacri. Il Museo è aperto dal lunedì al sabato dalle ore 10:00 alle 12:00 e il martedì anche dalle 16:30 alle 19:30. Di seguito due delle tante opere che possono essere ammirato all’interno del Museo:       Continua a leggere »

Sacra Spina – una delle più importanti reliquie della cristianità ad Alcamo

Reliquiario in argento del 1636 contenente la Sacra Spina.

Tre furono le spine della Corona di Gesù Cristo che giunsero nel 1535 in Alcamo, ma oggi solo una di esse è ancora custodita e venerata nella quattrocentesca Cappella dello Spirito Santo all’interno della Basilica di Santa Maria Assunta. Le tre spine furono portate ad Alcamo nel 1535 da un soldato facente parte del seguito dell’Imperatore Carlo V, quest’ultimo infatti quello stesso anno giunse in Città al ritorno dalla vittoriosa campagna per la conquista di Tunisi. Ciò nonostante secondo alcune fonti sarebbe errato dedurre che le spine furono trafugate in quell’occasione dai territori del Nord Africa, bensì sarebbero state sottratte ... Continua a leggere »

I lavori del futuro – L’innovazione raccontata da Alessandro Cacciato

Cacciato-Castellammare

La scuola sta preparando in modo adeguato i ragazzi per entrare nel mondo del lavoro intorno al 2030? I lavori attuali con che velocità stanno cambiando? Siamo coscienti dei pericoli in cui possiamo incorrere in un mondo altamente digitalizzato? Questi i quesiti dai quali domenica 24 febbraio alle ore 17:00 presso il ristorante La cambusa di Castellammare del Golfo, trarrà spunto Alessandro Cacciato, nota figura all’interno del settore delle imprese e delle startup, nonché autore del libro Il Sud Vola, per trattare con l’entusiasmo che lo contraddistingue il mondo delle imprese e delle tecnologie rapportate al presente, al passato ma ... Continua a leggere »

Il Beato che visse ad Alcamo e fondò la Chiesa di S. Maria di Gesù

L'urna contenente le spoglie del Beato Arcangelo da Calatafimi sita all'interno della Chiesa di Santa Maria di Gesù ad Alcamo.

Tutt’oggi ad Alcamo è ricordato con un’insegna il luogo in cui il Beato soleva ritirarsi in preghiera, ovvero una grotta in Via Allegrezza ad Alcamo, nei pressi della Chiesa di Santa Maria di Gesù. Stiamo Parlando del Beato Arcangelo Placenza da Calatafimi (1390-1460). La storia di questo Beato molto ricorda quella di San Francesco d’Assisi e forse non casualmente nella sua vita vestirà gli abiti dei Frati Minori Osservanti e fonderà come da titolo la Chiesa di Santa Maria di Gesù al cui interno è ancora fortemente venerato, come dimostrano le Sue spoglie custodite in un’urna. Beato Arcangelo nacque a ... Continua a leggere »