Home | News | Cultura | Alcamo: la tragica storia di Medhanie raccontata dal giornalista Lorenzo Tondo
Alcamo: la  tragica storia di Medhanie raccontata dal giornalista Lorenzo Tondo

Alcamo: la tragica storia di Medhanie raccontata dal giornalista Lorenzo Tondo

Alberto Scuderi | 1 aprile 2019 | Cultura, News

 

 

Sabato sera presso il Qubbì si è svolta la presentazione del libro inchiesta “ Il Generale” del giornalista siciliano, corrispondente per il Guardian Lorenzo Tondo. L’evento è stato organizzato dal gruppo Amnesty di Alcamo. La serata è incominciata con il video del portavoce nazionale di Amnesty International Italia Riccardo Noury, che ha voluto dare il suo contributo. Ad intervenire oltre ai membri del gruppo Amnesty alcamese vi è stata Chiara Di Maria, responsabile di Amnesty Sicilia e Michele Calantropo ,consulente legale della difesa del caso Mered. Al termine della serata si è lasciato spazio alle domande del pubblico.

All’interno del libro si racconta del caso del giovane Medhane Berhe, un ragazzo eritreo arrestato in seguito al naufragio di Lampedusa del 2013 che aveva portato alla morte di 366 persone. In seguito alle indagini dell’ operazione denominata “Glauco” le autorità italiane erano arrivate a catturare in Africa quello che si pensava essere Medhanie Yedhego Mered, uno dei trafficanti di esseri umani più pericolosi al mondo. In realtà si trattava di Medhanie Tesfamarian Behre, un giovane eritreo del tutto innocente. Secondo alcuni quotidiani stranieri, tra cui il the Guardian per cui Lorenzo scrive, una forza di polizia straniera avrebbe le informazioni necessarie per catturare il vero trafficante, ma che per farlo sarebbe necessaria l’autorizzazione della procura di Palermo, la quale ha negato ogni sbaglio. Il ragazzo è ormai detenuto a Palermo da quasi tre anni e nel corso della vicenda è stato sostenuto dall’avvocato Calantropo che però si è trovato ad avere a che fare con una procura incapace di ammettere le proprie responsabilità nonostante le prove schiaccianti.

Il 15 aprile la procura ha richiesto la testimonianza degli ufficiali della polizia segreta Sudanese, che avrebbero aiutato gli agenti italiani nella cattura del presunto trafficante.

Commenti

commenti