Home | News | Cultura | Sacra Spina – una delle più importanti reliquie della cristianità ad Alcamo
Sacra Spina – una delle più importanti reliquie della cristianità ad Alcamo
Reliquiario in argento del 1636 contenente la Sacra Spina.

Sacra Spina – una delle più importanti reliquie della cristianità ad Alcamo

Emanuele Cusumano | 28 febbraio 2019 | Cultura, News

 

Tre furono le spine della Corona di Gesù Cristo che giunsero nel 1535 in Alcamo, ma oggi solo una di esse è ancora custodita e venerata nella quattrocentesca Cappella dello Spirito Santo all’interno della Basilica di Santa Maria Assunta.

Le tre spine furono portate ad Alcamo nel 1535 da un soldato facente parte del seguito dell’Imperatore Carlo V, quest’ultimo infatti quello stesso anno giunse in Città al ritorno dalla vittoriosa campagna per la conquista di Tunisi. Ciò nonostante secondo alcune fonti sarebbe errato dedurre che le spine furono trafugate in quell’occasione dai territori del Nord Africa, bensì sarebbero state sottratte a Roma durante l’ultimo dei “Sacchi di Roma” ovvero quello del 1527, che ebbe come protagonisti proprio Carlo V e i suoi soldati tra i quali figuravano gli ormai celebri mercenari “Lanzichenecchi”.

Giunto ad Alcamo, l’anonimo soldato dichiarò che solo una delle tre spine era effettivamente autentica e quindi originariamente derivante dalla Corona di Gesù Cristo. Così quindi per accertarsi di quale fosse la vera “Sacra Spina”, il Vescovo di Mazara Girolamo de Terminis ordinò che fossero gettate tra le fiamme. Due bruciarono mentre una rimase illesa e fu dunque dichiarata autentica.

La Sacra Spina venne inizialmente protetta da un armadio, che per la sua apertura richiedeva addirittura due chiavi in possesso dei giurati e dall’arciprete in persona. Successivamente dal 1961 venne custodita in un reliquario di argento del 1636.

Questo reliquario è oggi sito all’interno della Basilica di Maria Assunta, la quale si dimostra ancora una volta un luogo ricco di storia, arte e cultura. Un luogo sacro e pregno di fede ma che per la sua bellezza può essere apprezzato da chiunque ammiri la sua struttura o ne varchi l’ingresso. Al di là di età, credo e istruzione.

Commenti

commenti