Home | News | Cultura | Progetto Nati per Leggere: consegna dei libri “Guarda che faccia”
Progetto Nati per Leggere: consegna dei libri “Guarda che faccia”

Progetto Nati per Leggere: consegna dei libri “Guarda che faccia”

Paola Faillace | 29 gennaio 2019 | Cultura, News

 

ALCAMO – Nel corso del progetto “Nati per leggere”, fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale, si è svolta il 26 gennaio presso il Collegio dei Gesuiti la cerimonia del “Dono del Libro” durante la quale il sindaco Domenico Surdi ha consegnato i libri ai pediatri di Alcamo, anche loro pietre miliari del progetto che avranno il compito, durante l’anno in corso, di consegnarli ai neo genitori.

Al progetto “Nati per Leggere”, hanno aderito tutti i Pediatri di Famiglia di Alcamo: Dott. Adamo Benedetto, Dott. Conte Valeria, Dott. Di Gaetano Pierluigi, Dott. Lipari Giuseppa, Dott. Oliveri Maria, Dott. Pinco Antonella e Dott. Provenzano Giuseppe.
Il pediatra Di Gaetano ha dichiarato “Noi Pediatri faremo da tramite nel donare, presso i nostri studi, ai neo-genitori, un libro cartonato, adatto ai bambini dai 6 mesi in poi. È una iniziativa che tende ad incrementare la pratica virtuosa della lettura precoce, ad alta voce, da parte dei genitori ai loro figli, fin dalla più tenera età.
Ci metteremo, oltre alle mani, la nostra professionalità e, soprattutto, il nostro cuore, convinti, come siamo, degli indubbi benefici che ne scaturiranno.”

Il Comune di Alcamo ha aderito al Programma Nazionale Nati per Leggere con un proprio progetto locale del quale fanno parte oltre alla Biblioteca Civica Sebastiano Bagolino e agli asili comunali, i Dirigenti Scolastici con le sezioni di Scuola d’Infanzia, i Pediatri e la Libreria Strettalafoglia inoltre il sindaco ha affermato “crediamo molto nel Progetto Nati per Leggere e nella rete che si è creata al riguardo. E’ un’esperienza importante non solo per i bambini ma anche per le famiglie.” A questa rete di operatori locali si sono aggiunti i Volontari della lettura che, in seguito a specifica formazione, daranno presto il loro contributo per trasmettere l’amore per le belle storie e per i libri di qualità ai bimbi e ai loro genitori.

Commenti

commenti