Home | Media | VOLT SBARCA A PALERMO
VOLT  SBARCA A PALERMO

VOLT SBARCA A PALERMO

Alberto Scuderi | 28 gennaio 2019 | Media, Politica

 

Sabato 26 Gennaio si è svolto nella sala Lanza dell’Orto Botanico di Palermo l’ incontro con i membri del team palermitano di Volt Italia. A presenziare oltre al gruppo locale e del coordinamento regionale anche il presidente di Volt Europa Andrea Venzon. Volt è un movimento politico paneuropeo di stampo progressista nato dopo i risultati del referendum sulla Brexit da alcuni giovani che hanno a cuore il tema di un Europa realmente unita. Nel corso della conferenza si è parlato di come l’Unione Europea debba essere riformata soffermandosi soprattutto sul ruolo che dovrebbe avere nelle realtà periferiche come il Sud Italia per avere accesso ai fondi Europei per lo sviluppo.

Il presidente di Volt Europa Andrea Venzon ci ha rilasciato un’intervista:

Siete dei Millenials e siete nuovi sul panorama politico, cosa dovrebbe spingere gli italiani a votarvi?

Portiamo le esigenze dei millenials in politica che è una cosa che è stata dimenticata dai partiti tradizionali negli ultimi vent’anni. Pensiamo che queste battaglie siano fondamentali, come creare nuove possibilità per un giovane siciliano e come non costringerlo ad andarsene ma potergli dare la possibilità di scegliere. Abbiamo sessanta miliardi di fondi europei che porterebbero sviluppo e innovazione al sud ma il nostro governo non sembra interessato a spenderli nonostante scadano fra un anno. Siamo una rivoluzione politica perché siamo il primo partito europeo, un partito di giovani non solo per i giovani ma che dà spazio ai giovani ed è per questo che spero che gli italiani votino per noi.

Quali sono i vostri obiettivi per rilanciare l’economia siciliana?

La prima cosa che faremmo in Sicilia sarebbe quella di rilanciare le infrastrutture: creare una linea ferroviaria ad alta velocità fra Palermo e Catania per fare in modo che la Sicilia diventi più connessa. Non è possibile che ad oggi il treno Palermo Agrigento impieghi 2 ore ad arrivare a destinazione.

Cosa state facendo attualmente e qual è la prima azione che metterete in atto?

Ci stiamo preparando per la campagna raccolta firme per partecipare alle elezioni europee di maggio 2019. Le europee ci permettono di partecipare in tutta Europa con lo stesso programma quindi è anche il nostro obiettivo principale essendo un partito europeo. A livello politico questo significa scontrarsi con le forze più in antitesi con noi che al momento sono quelle al governo, cercando di portare una valida alternativa al paese. Portare diritti, democrazia , pensare a come sarà l’Italia fra 10 anni, pensare a come far partire l’ Italia invece di farla vivere di assistenzialismo, creare un patto fra generazioni invece di dividere sono le nostre prime battaglie.

Avete contatti con altri partiti in Italia o in Europa?

Tutte le forze politiche in Italia ad eccezione di quelle al governo ci hanno contattato per collaborazioni e per capire chi siamo, per fare eventi in comune. Noi non siamo chiusi, siamo disposti a parlare con altri delle nostre politiche e durante le Europee vorremmo costruire la nostra identità.

 

Commenti

commenti