Home | News | Valzer di direzioni comunali e aree. I dirigenti evidenziano “mal di pancia”
Valzer di direzioni comunali e aree. I dirigenti evidenziano “mal di pancia”

Valzer di direzioni comunali e aree. I dirigenti evidenziano “mal di pancia”

Piero Messana | 7 dicembre 2018 | News, Politica

 

Direzioni e aree della burocrazia comunale cambieranno volto. Lo ha deciso la giunta Surdi con un orovvedimento che entrerà a regime dal primo gennai. I cinque dirigenti in carica, però, potrebbero “mettersi di traverso” ma non per partito preso bensi per mamcanza effettivaedi tempo per predisporre gli atti.

Nel dettaglio due pesanti aree della Direzione 4, acqua e ambiente, quindi anche verde pubblico e raccolta rifiuti, transiteranno nella direzione 2, attualmente diretta ad interim da pochissimi giorni dal comandante Giuseppe Fazio, che verrà per così dire svuotata e quindi affidata a un dirigente tecnico. Da quest’ultima affari generali e personale, che diventeranno un’unica area, confluiranno nella direzione 3 con cultura e turismo, mentre i servizi demografici passeranno alla direzione 7 assieme alla polizia municipale.

Dalla direzione 3, invece, i servizi sociali transiteranno alla 5 dove si trovano già i tributi. Le direzioni comunali rimarranno quindi sette ma i dirigenti in servizio sono 5 dopo il pensionamento anticipato dell’avvocato Mistretta. In carica rimangono Sebastiano Luppino, Anna Parrino, Venerando Russo, Franco Maniscalchi e Giuseppe Fazio. Un dirigente contabile verrà assunto fra alcuni mesi, quando sarà completato il concorso la cui commissione esaminatrice si insedierà entro alcuni giorni. Rimarrebbe quindi una direzione e la giunta Surdi potrebbe pensare di bandire un altro concorso ma non per avvocato, in sostituzione della Mistretta, bensì per ingegnere o architetto. Insomma al comune di Alcamo opererebbero ben tre direzioni tecniche.

Trascorrerà comunquedel tempo e dal primo gennaio scatterà invece la nuova organizzazione delle direzioni e delle aree. A capo della direzione 2, che si occuperà quindi di acqua, ambiente e rifiuti, potrebbe andare in prima battuta Russo ma non Anna Parrino che non intende lasciare la direzione 4. Franco Maniscalchi potrebbe invece ritrovarsi a che fare.anche con i tributi, che stanno ai servizi sociali (suo attuale settore) come i cavoli a merenda. Finora comunque nessuno ddi.sindacati ha eccepito qualcosa, tranne la Cisl che jon ha condiviso la proposta.

“Con questa nuova organizzazione abbiamo fortemente voluto una direzione – ha detto l’assessore al personale Fabio Butera –  che si occupasse di “acqua e ambiente” e per ottenerla abbiamo rivoluzionato l’impostazione attuale dei servizi tecnici: in una direzione abbiamo lasciato “solo” lavori pubblici e manutenzioni e nell’altra abbiamo portato “acqua e ambiente”, con la prospettiva, a breve, di individuare un dirigente che si occupi al 100% di questi importantissimi servizi”.

 

Commenti

commenti