Home | News | Sesta vittoria consecutiva. Soltanto Ragusa mantiene il passo della Libertas
Sesta vittoria consecutiva. Soltanto Ragusa mantiene il passo della Libertas
Dario Dragna in due azioni d'attacco

Sesta vittoria consecutiva. Soltanto Ragusa mantiene il passo della Libertas

Piero Messana | 14 novembre 2018 | News, Sport

 

Dopo sette giornate di campionato sono soltanto due le squadre rimaste in testa alla classifica con sei vittorie e una sconfitta. Un’altra, ad onor del vero, potrebbe affiancarsi, la Torrenovese, qualora riuscisse a vincere i due recuperi. Una delle due “regine” è la Libertas Alcamo che dopo la sconfitta alla prima giornata, sul parquet del Cus Catania, ha infilato sei successi consecutivi. L’ultimo domenica scorsa, il terzo in trasferta, è arrivato per il rotto della cuffia.

Il fanalino Milazzo, squadra per niente da “buttare”, ha ceduto soltanto nel finale al determinato ritorno degli alcamesi. Ad affondarlo, con una “bomba” a 8 secondi dal termine, lo specialista Dragna. Non si tratta di uno qualunque ma del quinto migliore realizzatore del campionato (121 punti in 7 partite) che già da ragazzino si era trasferito in Toscana ed era stato anche azzurro con la nazionale under 14 assieme a gente del calibro di Gallinari, Aradori, Poletti, Tomassini, Bonessio, D’Ercole e Negri.

Domenica scorsa sul parquet mamertino si è registrato probabilmente un calo di tensione provocato forse dal fattore psicologico di dovere affrontare una squadra che ancora non aveva vinto alcuna partita. Forse, quindi, un peccato di presunzione. La vittoria, però, è arrivata ugualmente non soltanto per i 25 punti e la bomba di Dario Dragna ma anche per le iniziative irrefrenabili, nell’ultimo quarto, di Edoardo Nicosia e per l’ennesima prova convincente di Federico Manfrè. Quest’ultimo con 95 punti è dodicesimo fra i migliori realizzatori della C Silver.

Onori e demeriti, negli sport di squadra, sono però di tutti e i protagonisti a Milazzo sono stati tanti. Tagliareni esuberante in avvio, Andrè sempre presente a rimbalzo e autore anche di una pesantissima bomba, Piarchak che nel momento più delicato ti mette sempre dentro un paio di canestri, Agrusa spesosi tanto in difesa, “Lollo” Genovese in cabina di regia e forse un po’ timoroso per l’assenza del fratello Francesco, squalificato.

Il più grande dei fratelli Genovese sarà purtroppo assente anche domenica quando la Libertas sarà ancora in trasferta in quello che potrebbe rappresentare uno dei passaggi cruciali del campionato. Il quintetto di coach Ferrara, infatti, sarà opposto alla Torrenovese, squadra che mai ha nascosto i suoi obiettivi di primato e che vanta nelle sue file uno straniero, il lettone Arturs Bricis, che finora è apparso di categoria ben superiore. Ma fra “grandi” la Libertas, talvolta titubante con le formazioni meno titolate, ha già dimostrato il suo valore: basti ricordare la strepitosa prestazione sul parquet del Basket School Messina.

Commenti

commenti