Home | News | Attualità | EGO International Group, nuovo boom delle esportazioni siciliane
EGO International Group, nuovo boom delle esportazioni siciliane

EGO International Group, nuovo boom delle esportazioni siciliane

Redazione | 19 ottobre 2018 | Attualità, News

 

I dati regionali dell’Istat, rielaborati dall’osservatorio di Unioncamere Sicilia, descrivono una situazione piuttosto positiva per quanto riguarda l’economia dell’Isola. Le esportazioni dei prodotti Made in Sicily nel primo semestre dell’anno sono cresciute del 15% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La vendita all’estero, nel complesso, ha fatturato 5,2 miliardi, una cifra importante che sottolinea il ruolo dell’esportazione per le imprese siciliane. L’attenzione verso le possibilità che i mercati internazionali offrono alle PMI resta infatti alta. A dimostrarlo sono le numerose iniziative pubbliche, a livello nazionale e regionale, finalizzate all’internazionalizzazione, ma non solo. Anche le recensioni e le opinioni di EGO International Group Srl, azienda di Rimini che opera nel settore dell’export e della consulenza, evidenziano come la via della vendita all’estero possa offrire opportunità interessanti per le imprese della Sicilia.

A dimostrarlo sono le numerose iniziative pubbliche, a livello nazionale e regionale, finalizzate all’internazionalizzazione, che vedono il plauso di aziende specializzate come EGO International Group Srl, azienda di Rimini che opera nel settore dell’export e della consulenza, le cui opinioni e recensioni evidenziano come la via della vendita all’estero possa offrire opportunità interessanti per le imprese della Sicilia.

Tra i settori più redditizi c’è sicuramente quello dell’agroalimentare. Due casi esemplari sono sicuramente quelli dell’enologia e gli agrumi. Per quanto riguarda la vendita all’estero di vino siciliano, EGO International Group aveva da tempo evidenziato sul suo sito web come l’Isola avesse recentemente conosciuto un’importante impennata nelle esportazioni, dovuta soprattutto alla grande qualità delle sue etichette e alle innovazioni che ne hanno migliorato la competitività, specialmente per quanto riguarda l’imbottigliamento e la produzione. Stando alle recensioni di EGOInternationalGroup, i mercati più importanti per questo settore sono quello tedesco (che assorbe il 16,7% delle esportazioni di vino totali) e quello britannico (9,4%).

Eloquente anche il caso delle famose arance rosse, con gli agricoltori siciliani che hanno investito molto sulla promozione del loro prodotto nei mercati asiatici. EGO International Group guarda con interesse ai recenti incontri tra gli imprenditori dell’ortofrutticolo e le autorità cinesi, che secondo la Srl di Rimini potrebbero rappresentare un primo importante passo verso la conquista di un mercato dalle grandi dimensioni e dalle ottime possibilità economiche per la Sicilia. I dati diffusi dalla Commissione Europea confermano inoltre le buone performance dell’agroalimentare nel contesto comunitario: a luglio si è registrata una crescita delle esportazioni del 2% rispetto al periodo analogo dell’anno scorso, con un surplus commerciale di 2,2 miliardi di euro. Un risultato in linea con le recensioni e le opinioni riportate da EGOInternational Group, secondo le quali, sul podio degli importatori di ortofrutticolo Made in Sicily si posizionano i tradizionali vicini europei: Germania, Francia e Spagna.

Le possibilità non si limitano comunque all’agroalimentare: il report di Unioncamere evidenzia anche la grande importanza dei prodotti delle attività di trattamento dei rifiuti e risanamento e dei mezzi di trasporto, dati anche dalle buone performance del distretto nautico di Messina. La vendita all’estero e l’internazionalizzazione si dimostrano dunque strategie commerciali di successo e dal grande potenziale. I mercati stranieri possono rappresentare una vera e propria risorsa per l’economia regionale, posto che le PMI e le aziende dell’Isola riescano a fare leva sulla qualità della merce e sulla capacità di intercettare trend e preferenze dei consumatori globali. Un’opportunità da non sottovalutare, allettante per le singole imprese ma anche per l’intera Isola, che potrebbe in un futuro non troppo lontano giovarne in termini di occupazione, crescita economica e benessere.

Commenti

commenti