Home | News | Avvio quasi orribile e “fischi” discutibili. Libertas perde di un punto
Avvio quasi orribile e “fischi” discutibili. Libertas perde di un punto

Avvio quasi orribile e “fischi” discutibili. Libertas perde di un punto

Piero Messana | 7 ottobre 2018 | News, Sport

 

Primi due periodi da dimenticare e poi, dopo il veemente ritorno nella seconda parte della gara, la beffa arrivata a un secondo dalla fine con un “fallo di confusione” fischiato in favore del catanese Murphy. L’americano fa 1 su 2 nei liberi e regala, di un sol punto, la vittoria agli etnei.
Dopo un avvio discreto durato alcunii minuti Alcamo comincia a “litigare” con i liberi firmando una percentuale dalla linea per niente degna delle loro possibilità.
Catania, spinta da tanta grinta e velocità, mette la freccia grazie all’americano Dennis Murphy.

I “lunghi” Cuccia e Corsello riescono anche ad arginare bene i centimetri e le doti tecniche di Andrè e Dragna. Così in casa Libertas si spegne la luce e si perdono quelle che sono le caratteristiche del gioco di squadra. Nel caos tattico il Cus ci sguazza, chiude il primo periodo avanti di cinque lunghezze e poi incrementa nel secondo quando viene fuori anche il giovanissimo Elia, classe 2002, rientrato dalla Pallacanestro Trapani. Per lui, in tutto l’arco del match, anche tre triple.

Furioso coach Ferrara che nell’intervallo lungo non le manda a dire e il terzo periodo si apre con tutt’altre caratteristiche. La Libertas comincia a mordere in difesa, a cercare e trovare le conclusioni vincenti di Dragna, a far correre Tagliareni e Manfrè, a ottenere punti da Francesco Genovese. Arriva anche il primo canestro in serie C per Vlade Piarchak, il bielorusso del 2002. Alcamo quasi acchiappa gli etnei e per due volte va in attacco sul -1 commettendo però alcuni errori.  Ci si mette anche la sfortuna che toglie da dentro un paio di conclusioni che ballano sul ferro e manda invece dentro tiri simili, in casa etnea, che gironzolano e saltellano sul cerchio.Gli etnei rialzano la testa mentre gli ospiti vengono un po’ rallentati da alcuni fischi arbitrali non proprio favorevoli.

L’ultimo periodo parte dal 55 – 48 per il Cus e si prevede un finale da brividi. I ragazzi di Ferrara effettuano l’aggancio e stanno incollati agli avversari per alcuni minuti poi due tiri a salve e affrettati dalla lunga per la Libertas e la bomba più aggiuntivo di Mazzoleni sembrano scavare il solco decisivo. Alcamo non molla, si riporta in parità e recupera palla in difesa, sul 67 pari, a una 45 secondi dal termine: riceve Andrè che penetra da centro, non tenta il “suo” semigancio sinistro e scarica fuori per Dragna.nla conclusione è errata e al Cus rimane il tempo per l’ultima azione. Murphy allo scadere si butta dentro, sbatte a un avversario, arriva anche una stoppata apparsa netta ma per l’arbitro è fallo a un secondo dal termine: il colored sbaglia il primo e realizza il secondo. Rimessa in attacco per Alcamo, passaggio lob lungo per Andrè che non ce la fa a recuperare il pallone. Finisce 68 – 67 e il tecnico Vincenzo Ferrara sentenzia: “Se giochiamo così, non andiamo molto lontano. Un arbitro, però, non può decidere una partita”.

Per la cronaca alla Libertas sono stati sanzionati tre falli anti-sportivi e un tecnico.


CUS CATANIA – LIBERTAS ALCAMO 68 – 67 (19-14, 18-8, 18-26, 13-19)
Catania: Cuccia 4, Mazzoleni 7, Vasta 2, Murphy 16, Corselli 2, Lo Faro 7, Arena 2, Elia 15, leone ne, Fichera, De Mauro 3, Jhonson 10. Allenatore: Giuseppe Guadalupi.
Alcamo: Farina ne, Genovese L, Nicosia 5, Abbinanti ne, Audino ne, Andrè 7, Piarchak 2, Manfrè 12, Dragna 15, Accardo ne, Genovese F. 18, Tagliareni 8. Allenatore: V.zo Ferrara

Commenti

commenti