Home | News | Attualità | Calatafimi, vola la differenziata (72,35%). Procede la guerra agli “sporcaccioni”
Calatafimi, vola la differenziata (72,35%). Procede la guerra agli “sporcaccioni”

Calatafimi, vola la differenziata (72,35%). Procede la guerra agli “sporcaccioni”

Piero Messana | 2 settembre 2018 | Attualità, News, Politica

 

È pari al 72,35% la percentuale di raccolta differenziata registrata a Calatafimi nel mese di luglio. Un ulteriore incremento che mantiene alta la media del 2018, molto vicina a quel 65% che permetterebbe di accedere alle particolari agevolazioni, tuttora all’esame del governo regionale, che prevedono l’abbattimento del costo della TARI.

“Sento di dover ancora una volta ringraziare quasi tutti i cittadini ed i titolari delle attività economiche per la sensibilità che continuano a manifestare che, purtroppo, non è ancora sufficiente – ha detto il sindaco Vito Sciortino –  a compensare l’ostinato comportamento irregolare che persiste in taluni irriducibili, i quali provocano soltanto danni all’ambiente”.

Il primo cittadino calatafimese, dopo avere ringraziato anche l’assessore all’ambiente, i dipendenti del settore e gli operatori dell’AGESP, ha sottolineato ancora una volta  i “comportamenti deplorevoli di chi non cura abbastanza la differenziazione dei rifiuti o, peggio ancora, li abbandona inquinando il territorio. A tale ultimo proposito, la bonifica dei siti interessati dal fenomeno dell’abbandono costerà a tutti i cittadini circa 25.000 euro”.

Per combattere gli “sporcaccioni” da qualche giorno a Calatafimi, sia in centro che nelle periferie, è entrata in funzione la telecamera mobile chiamata “rifiuto stop” proprio per intercettare i trasgressori ed irrogare le conseguenti sanzioni, con eventuale denuncia penale nei casi più gravi. “Non avremmo voluto arrivare a tanto – ha spiegato Vito Sciortino – ma ce lo impone la tutela del bene e degli interessi di tutti i calatafimesi”.

Commenti

commenti