Home | News | Attualità | By-pass da Cannizzaro, forse gli ultimi disagi. Acqua clorata alle fontanelle

By-pass da Cannizzaro, forse gli ultimi disagi. Acqua clorata alle fontanelle

By-pass da Cannizzaro, forse gli ultimi disagi. Acqua clorata alle fontanelle

Piero Messana | 28 agosto 2018 | Attualità, News, Politica

 

Procedono i lavori, quelli definitivi, per collegare la conduttura che arriva dalla rinnovate e potenziate sorgenti di Cannizzaro direttamente con quella di Dammusi che arriva al bottino comunale. Operai e ditta specializzata stanno allestendo il bypass che metterà assieme le due portate. Qui confluirà l’acqua proveniente da Cannizzaro e Dammusi ma anche quella di Mirto e del nuovo pozzo di Rakali. Bisognerà però attendere ancora e con qualche disagio: turni di erogazione a rischio e fontanelle del bottino funzionanti con l’acqua clorata che giunge da Montescuro Ovest.

“Presto – afferma il sindaco Domenico Surdi che però non temporizza il suo avverbio di tempo – Alcamo avrà la possibilità di godere in totale di circa 135 litri al secondo presso il nostro serbatoio comunale. Una quantità di acqua tale che consentirà di risolvere  il problema dell’approvvigionamento idrico cittadino”.

In questi giorni d’estate gli alcamesi hanno nuovamente dovuto fare i conti con l’emergenza idrica: rotture alle condotte e sospensione dei turni di erogazione. talvolta in alcune zone i cittadini hanno dovuto attendere l’acqua, fra l’altro arrivata per circa due ore, anche 9 giorni. L’approvvigionamento idrico totale è stato, nei mesi estivi, di circa 80 litri al secondo fra Montescuro, Dammusi e Rakali.

Sono orgoglioso e soddisfatto perché lavorando costantemente al servizio della nostra comunità, stiamo riuscendo a portare a termine – ha detto Surdi – una delle principali opere, se non la principale, per consentire di migliorare notevolmente le condizioni di vita dei cittadini”. Per completezza di informazione c’è da ricordare che l’iter di quest’opera ebbe inizio ben 16 anni fa, che soltanto alla fine del 2015 vennero salvate le somme dal commissario Arnone e che nel dicembre 2016 dopo venne dato l’appalto. Poi furono necessari otto mesi, all’amministrazione in carica, per assegnare la direzione dei lavori.

Commenti

commenti