Home | News | Cultura | Dionisiache 2018, spallata alle presenze con “Miles Gloriosus”. Numeri in crescita

Dionisiache 2018, spallata alle presenze con “Miles Gloriosus”. Numeri in crescita

Dionisiache 2018, spallata alle presenze con “Miles Gloriosus”. Numeri in crescita

Piero Messana | 12 agosto 2018 | Cultura, News

 

Il suo cavallo di battaglia è Sceledro però, a 84 suonati ma sempre stracolmi di vitalità, si è dedicato all’interpretazione di Antotrogo, il “parassita” che si trova da vivere osannando ed ingrandendo le gesta di Pirgopolinice, il soldato fanfarone e vanaglorioso del “Miles Gloriosus”. Il nome di Tuccio Musumeci, catanese verace, riesce a richiamare ancora il pubblico delle grandi occasioni e ieri sera, al teatro antico di Segesta, l’affluenza è stata da record.

La commedia di Plauto farà il bis questa sera, sempre alle ore 19.15,  e poi repliche anche il 13 e il 14 di agosto. Sarà commedia al centro della fase cruciale del festival, quella che come consuetudine, a metà agosto, intercetta i flussi turistici e fa lievitare il numero degli spettatori. Dal 16, infatti, altri quattro giorni di risate con la “Mostellaria”.

Ma il Festival di Segesta ha tanti altri appuntamenti. Fra questi, ad esempio, le “Albe” che stanno riscuotendo sempre maggiore successo. Questa mattina alle 5 oltre 300 spettatori hanno assistito al “Decamerone” in uno scenario suggestivo e indimenticabile, contraddistinto dal rossore della giornata che sorge.

“I numeri sono in costante crescita – ha detto il sindaco di Calatafimi, Vito Sciortino – e andiamo ad ampie falcate verso il superamento delle cifre ottenute nel 2017. Un risultato straordinario se si pensa che soltanto un mese prima dell’inizio della rassegna abbiamo avuto l’ok e i fondi dal dipartimento regionale. Sono particolarmente soddisfatto anche per come la gente sta partecipando alle albe. Questa mattina i numeri sono davvero stati eccezionali. Dal prossimo anno – ha concluso il sindaco – con l’autonomia gestionale ottenuta dal parco di Segesta, le Dionisiache potrebbero raggiungere davvero apici incredibili”.

Commenti

commenti