Home | News | Attualità | Marito e moglie che violentavano la figlia. Affidata perizia psichiatrica per la madre

Marito e moglie che violentavano la figlia. Affidata perizia psichiatrica per la madre

Marito e moglie che violentavano la figlia. Affidata perizia psichiatrica per la madre

Piero Messana | 7 luglio 2018 | Attualità, Cronaca, News

 

Saranno la psichiatra Maria Katia Sammartano e la psicologa Silvia Spanò a effettuare la perizia psichiatrica su M.F.P., la donna alcamese, finita in galera, che partecipava alle violenze sessuali che il marito, orribilmente, aveva portato avanti per un anno ai danni della figlia appena tredicenne.

La decisione è stata disposta dal tribunale di Trapani dinanzi al quale si sta celebrando il processo ai danni della stessa madre e del marito, A.A., e che già visto costituirsi parti civili la stessa vittima e i suoi due fratelli. i tre sono rappresentati rispettivamente dalle avvocatesse Giovanna Melodia, Mary Mollica e Caterina Camarda.

L’orripilante vicenda venne a galla quando, nei primi giorni del 2018, la piccola ragazzina trovò la forza di confidarsi dapprima con alcuni parenti e amici di famiglia e poi di confermare tutto agli investigatori della polizia di Alcamo. “Papà e mamma entrano nudi nel mio letto”, la frase con cui comincio il suo terribile racconto.

Le specialiste Spanò e Sammartano incontreranno per la prima volta M.F.P. al carcere di Pagliarelli, martedì prossimo 10 luglio. Avranno poi due settimane per redigere il referto della perizia il cui esito dovrà essere comunicato in occasione della prossima udienza del processo, martedì 24 luglio.

La tredicenne adesso si trova in affidamento presso una “casa famiglia”, lontano da Alcamo, mentre i due genitori snaturati si trovano rinchiusi nelle carceri di San Giuliano a Trapani, il padre, e dei Pagliarelli a Palermo, la madre. Quest’ultima, secondo le indagini e i racconti dei protagonisti, conosceva le turpi azioni del marito ma mai diede conforto e protezione alla figlia. Anzi, in alcune occasioni, avrebbe anche partecipato ai rapporti sessuali. Il marito, dal suo canto, aveva avanzato una tesi improponibile: “Mia figlia- aveva detto – era consenziente”.

 

Commenti

commenti