Home | News | Cronaca | Bimbo alcamese aggredito da due alani. 200 punti di sutura

Bimbo alcamese aggredito da due alani. 200 punti di sutura

Bimbo alcamese aggredito da due alani. 200 punti di sutura

Piero Messana | 2 giugno 2018 | Cronaca, News

 

Duecento punti di sutura in tutto il corpo, muscoli lacerati e clavicola rotta.  Sarebbe bastato un minuto in più e per un bambino alcamese, azzannato da due cani, non ci sarebbe stato più nulla da fare. F. G. di 8 anni si trova adesso ricoverato a Palermo, al reparto di chirurgia plastica dell’ospedale dei Bambini ma non è in pericolo di vita.

La piccola vittima, ieri pomeriggio, si era recato da un amichetto, in una villa di campagna, non molto distante dal centro abitato. Una delle tante volte in cui i due bambini si ritrovavano per giocare e trascorrere alcune ore assieme. Stavolta, però, è arrivato il drammatico episodio.

Due grandi alani, cani di grosse dimensioni, sono riusciti ad uscire dal recinto, addirittura forse saltandolo, e si sono avventati sull’ospite. Le urla della vittima e del suo amichetto hanno fatto precipitare il padrone di casa che, con grande coraggio e maestria, è riuscito a togliere il piccolo dalla furia dei due cani.

Immediatamente trasportato al pronto soccorso del “San Vito e Santo Spirito” di Alcamo, F.G. ha ricevuto le cure dei sanitari e, vista la gravità della situazione, è stato accompagnato a Palermo all’Ospedale dei Bambini, dove attualmente si trova ricoverato. Il malcapitato dovrà essere sottoposto ad alcuni interventi di chirurgia plastica.

Intanto sono stati oltre 200 i punti di sutura distribuiti sulle ferite che hanno martirizzato il bambino, quasi in ogni angolo del corpo. E’ rimasto salvo, miracolosamente, il viso mentre i grossi denti di uno degli alani sono andati molto vicini alle arterie del collo.  Poi anche un paio di muscoli lacerati e una clavicola rotta, probabilmente nella caduta susseguente all’aggressione dei cani.

Per F.G., figlio di un noto imprenditore alcamese, non c’è pericolo di vita ma prognosi e recupero saranno particolarmente lunghi.

Commenti

commenti