Home | News | Manovre verso le elezioni: a Castellammare il centro-destra si fa in tre

Manovre verso le elezioni: a Castellammare il centro-destra si fa in tre

Manovre verso le elezioni: a Castellammare il centro-destra si fa in tre

Piero Messana | 16 aprile 2018 | News, Politica

 

Mancano poco meno di due mesi alle elezioni amministrative del 10 giugno prossimo ed a Castellammare del Golfo, come in tutti i comuni dove si vota, gli ambienti politici sono in grande fermento. Mentre “CambiaMenti” e Movimento 5 Stelle stanno affilando le armi, nel centrodestra nascono almeno tre strade diverse.

La prima a lanciarsi è stata quella di “Idea Sicilia”, il movimento politico dell’ex rettore Roberto Lagalla, attualmente assessore regionale. Il gruppo vorrebbe candidare a sindaco Franco D’Angelo, imprenditore di 64 anni, presidente del Castellammare calcio negli anni ’90.

Sempre fra le file del centro-destra è nata “Area Comune” che ha messo insieme Gaspare Canzoneri, ex assessore provinciale e vice-sindaco, con Giuseppe Cruciata (Diventerà Bellissima) e Nino Mistretta (Forza Italia, area Giovanni Lo Sciuto). Proprio Cruciata e Mistretta potrebbero contendersi la candidatura a sindaco. Il secondo ci provò, perdendo, contro Marzio Bresciani.

Un’altra costola del centro-destra sosterrà invece Laura Ancona, consigliere comunale in carica eletta nella dell’UDC. Avvocatessa impegnata nel ridare giustizia agli incolpevoli con “Progetto Innocenti”, lo stesso movimento che ha portato all’assoluzione degli alcamesi coinvolti nella “Strage della Casermetta”, Ancona è figlia d’arte, Il padre, Giuseppe, uomo di punta di Forza Italia, è stato sindaco per due mandati e poi transitato nell’UDC.

Dal centro-sinistra, invece, trapela poco. Tutto ruota sulla decisione del sindaco uscente, Nicola Coppola, che ha dichiarato: “Allo stato attuale non me la sento di ricandidarmi. Un sindaco, in questo momento storico, ha bisogno della collaborazione di tutti, movimenti e associazioni compresi”. Probabilmente il primo cittadino sente il peso dei numeri che, fra PD e Sicilia Futura, appaiono particolarmente deboli nella cittadina del Golfo.

Infine il Movimento 5 Stelle che, fortissimo nella vicina Alcamo, mai è riuscito a decollare in territorio castellammarese. Da tempo si sussurra il nome di Donatella Anselmo, altra avvocatessa, già consigliere comunale a Calatafimi, componente della storica formazione locale di basket femminile che, negli anni ’70 e ’80, andava per la maggiore a livello regionale.

Commenti

commenti