Home | News | Alcamo, rischio sold-out nelle sepolture. Predisposta variante al piano cimiteriale

Alcamo, rischio sold-out nelle sepolture. Predisposta variante al piano cimiteriale

Alcamo, rischio sold-out nelle sepolture. Predisposta variante al piano cimiteriale

Piero Messana | 14 febbraio 2018 | News, Politica

 

Rimane sempre attuale il problema sepolture ad Alcamo. La nuova zona cimiteriale, infatti, è stata largamente dedicata alla costruzione di cappelle gentilizie da 10 loculi e tale proposta, a causa della perdurante crisi economica, non trova molti riscontri da parte degli alcamesi.

I costi, fra concessione cimiteriale e lavori edilizi, sono troppo elevati e le famiglie preferiscono optare per le sepolture individuali a terra e non in alto, nelle colombaie. Capita così che diverse salme non riescono a trovare in tempi rapidi la degna sepoltura e rimangono nella camera mortuaria.

In questi giorni sono una ventina, una cifra ben lontana da quota 170 di quest’estate quando, a causa delle alte temperature, non potevano effettuarsi le necessarie estumulazioni per fare spazio ai nuovi defunti. Il cimitero di Alcamo è praticamente saturo, bisogna trovare delle soluzioni.

Proprio per questo il consiglio comunale dovrà votare una variante al piano regolatore cimiteriale. Si tratta di una modifica alle tipologie di sepolture. Niente più cappelle gentilizie ma possibilità, negli stessi siti, di realizzare tombe familiari da 3 o 4 posti ciascuna.

In questa maniera gli alcamesi troveranno soluzioni molto più economiche per seppellire i parenti. I costi, in pratica, verrebbero più che dimezzati, anche come concessione da versare al Comune di Alcamo. In questa maniera le casse comunali andrebbero a perdere, nelle previsioni di bilancio, una consistente fetta di denaro.

L’altra via che l’amministrazione Surdi sta seguendo è quella di effettuare un censimento delle sepolture che hanno già terminato la durata delle concessioni e che non sono state rinnovate. Il monitoraggio andrebbe a liberare altri loculi.

I due interventi, alla luce di uno studio effettuato dagli uffici del comune di Alcamo, consentirebbero di eliminare, per un periodo dai 3 ai 5 anni, il sold-out nei cimiteri alcamesi.

Commenti

commenti