Home | News | Cultura | Farmacisti palermitani a sostegno della “Piera Cutino onlus”, associazione dedicata a una ragazza alcamese

Farmacisti palermitani a sostegno della “Piera Cutino onlus”, associazione dedicata a una ragazza alcamese

Farmacisti palermitani a sostegno della “Piera Cutino onlus”, associazione dedicata a una ragazza alcamese

Piero Messana | 12 dicembre 2017 | Cultura, News

 

Federfarma Palermo – Utifarma rimane al fianco dei pazienti talassemici assistiti al campus di Ematologia “Franco e Piera Cutino” dell’ospedale “Cervello” di Palermo. Dopo la donazione dello scorso anno per la Biobanca, quest’anno Federfarma finanzia uno stage di un anno a favore di un biologo.

Il professionista selezionato svolgerà lo stage presso il laboratorio di genetica medica del Galliera di Genova che opera in partnership con l’istituto Gaslini, per una ricerca sui benefici dell’applicazione alle malattie rare della tecnica Array-Comparative Genomic Hybriditization che consente di identificare anomalie cromosomiche.

Tale formazione consentirà al campus dell’ospedale “Cervello” di Palermo per la cura della talassemia e delle altre malattie genetiche rare del sangue di ampliare l’offerta di prestazioni al sempre più crescente numero di pazienti affetti da tali patologie.

La somma sarà consegnata giovedì prossimo, al Palace Hotel di Mondello, dal presidente di Federfarma Palermo, Roberto Tobia, all’associazione “Piera Cutino” (ragazza alcamese scomparsa e ammalata di talassemia), al termine di una cena di beneficenza alla quale parteciperanno i farmacisti di Palermo e provincia. La serata sarà condotta da Massimo Minutella e sarà animata dall’attore Ernesto Maria Ponte e dalla Kilimangiaro Band.

“Ancora una volta – ha detto Roberto Tobia – i farmacisti palermitani confermano il ruolo sociale di questa professione al servizio del territorio, con l’impegno non solo a contribuire alla salute dei pazienti, ma anche a migliorare la qualità della vita di chi affronta battaglie difficili come quelle contro la talassemia e le malattie rare”. 

Commenti

commenti