Home | News | Cultura | Rinvenute antica acqusantiera e lapide durante lavori di ristrutturazione
Rinvenute antica acqusantiera e lapide durante lavori di ristrutturazione

Rinvenute antica acqusantiera e lapide durante lavori di ristrutturazione

Piero Messana | 7 dicembre 2017 | Cultura, News

 

Un’acquasantiera risalente al ‘600 è venuta alla luce durante i lavori di ristrutturazione della parrocchia Maria Santissima della Salute di Castelvetrano. La scoperta è stata fatta mentre gli operai stavano riportando all’originaria pietra arenaria alcune parti delle pareti coperte dall’intonaco.

L’opera rinvenuta, scavata nella pietra, risale al 1622, anno di costruzione della chiesa ad opera dei padri agostiniani. Sino al 1904 l’acquasantiera era ben visibile ai fedeli: la presenza all’interno della chiesa risulta, infatti, inventariata nei documenti della visita pastorale del vescovo Nicola Maria Audino proprio in quell’anno.

La rimozione dell’intonaco ha anche consentito di portare alla luce una lapide marmorea del 1851, dove sono custodite le spoglie di Giuseppa La Rosa che, con molta probabilità, fu una benefattrice della chiesa e del convento che nacque qualche anno dopo, sempre ad opera dei padri agostiniani.

La parrocchia castelcvetranese ristrutturata sarà riaperta al pubblico, dopo due mesi di lavori, sabato prossimo (9 dicembre), alle ore 17,30. “Devo ringraziare coloro che fino a oggi – ha detto il parroco don Rino Randazzo – hanno consentito con il loro contributo di sostenere questa importante opera di ristrutturazione della nostra chiesa parrocchiale”.

Dal 2015 la parrocchia Maria santissima della Salute ha ricevuto il privilegio di essere affiliata alla Basilica Papale di Santa Maria Maggiore, legame che ha consentito alla chiesa castelvetranese di ottenere i medesimi benefici spirituali della più antica chiesa mariana al mondo.

Commenti

commenti