- Ideazionenews - http://www.ideazionenews.it -

Prima il co-marketing e poi il distretto turismo. Messineo, secondo Confagricoltura, sta danneggiando Trapani

Senza peli sulla lingua Fabio Bertolazzi, presidente provinciale della Confagricoltura di Trapani, attacca il commissario straordinario del comune capoluogo, Francesco Messineo, accusandolo di assestare duri colpi al territorio trapanese.

Dopo il no all’accordo di Co-marketing per l’aeroporto di Birgi è arrivato il no anche al Distretto del Tursimo. “Pur condividendo il pensiero sul fallimento dell’azione del Distretto Sicilia Occidentale non è ammissibile – afferma il Presidente di Confagricoltura Trapani – il comportamento del Commissario che anziché affrontare i problemi preferisce lavarsene le mani”.

Stesso atteggiamento, secondo Bertolazzi di Confagricoltura, tenuto da Messineo per l’accordo di co-marketing. “Se il commissario – prosegue il presidente Bertolazzi – persevera nell’affermare l’esistenza di gravi anomalie nell’accordo, le affronti e, ove a suo giudizio siano contro legge, le porti a conoscenza degli organi competenti”.

Secondo il numero provinciale di Confagricoltura, inoltre, Messineo sarebbe responsabile di dichiarazioni contraddittorie. “Prima ai cittadini comunica che il bilancio della città di Trapani è messo bene – spiega Bertolazzi – e poi toglie  9.000 euro di quota al distretto Sicilia Occidentale per salvare il bilancio del Comune”.

Confagricoltura Trapani chiede al commissario Messineo di portare a conoscenza della cittadinanza come è stata spesa l’imposta di soggiorno e quale sarà l’impegno di spesa dell’anno prossimo, visto che “la legge nazionale prevede che il gettito sia destinato a finanziare interventi in materia di turismo, manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali e ambientali locali”.

Bertolazzi chiama infine a raccolta tutti gli agricoltori e tutti i cittadini invitandoli ad intervenire e a fare sentire la propria voce al commissario del comune di Trapani, ai politici locali, agli amministratori locali ed ai deputati regionali e nazionali.

Commenti

commenti