Home | News | Cultura | Scuola: lo scientifico “Ferro” primo in Sicilia fra i licei, secondo fra tutte le scuole
Scuola: lo scientifico “Ferro” primo in Sicilia fra i licei, secondo fra tutte le scuole

Scuola: lo scientifico “Ferro” primo in Sicilia fra i licei, secondo fra tutte le scuole

Piero Messana | 11 novembre 2017 | Cultura, News

 

Il liceo scientifico “Giuseppe Ferro” fa un balzo in avanti e conquista il primo posto fra i licei siciliani della stessa tipologia. L’istituto scolastico alcamese diventa anche la seconda scuola superiore, fra tutti gli indirizzi, della regione Sicilia.

“Eduscopio” 2017, il grande progetto realizzato dalla “Fondazione Giovanni Agnelli” con l’obiettivo di misurare, a livello nazionale, le scuole di secondo grado confrontandole con istituti analoghi dello stesso territorio, premia ancora una volta la città di Alcamo.

Lo scientifico “Ferro”, rispetto al 2016, incrementa ulteriormente e supera il “Galileo” di Modica, che scivola al terzo posto, e si piazza sul gradino più alto del podio dei licei scientifici davanti al privato “Empedocle” di Messina. L’istituto guidato dal dirigente Giuseppe Allegro, con un punteggio di 78,49 è anche secondo fra tutte le scuole superiori siciliane preceduto soltanto dal classico “Maurolico” di Messina che raggiunge il punteggio di 80,83.

Dirigenza e corpo docenti gongolano anche per il risultato ottenuto dal liceo classico “Cielo d’Alcamo”, parte integrante dello stesso istituto di istruzione superiore, che vince fra i “classici”, a livello provinciale, con 69,74 davanti al “D’Aguirre” di Salemi (69,01) e al “Pantaleo” di Castelvetrano (66,17).

Netto, in provincia, il predominio del “Giuseppe Ferro” di Alcamo che stacca di oltre sette punti il “Dante Alighieri” di Partanna e di dieci il “Ruggieri” di Marsala.

I criteri su cui si basa il lavoro della Fondazione Agnelli, istituto indipendente di cultura e di ricerca nel campo delle scienze umane e sociali, sono gli esami  sostenuti, i crediti acquisiti e i voti ottenuti dalle matricole. Sono infatti proprio i primi mesi all’università quelli maggiormente influenzati dal lavoro fatto durante gli anni della scuola secondaria.

 

 

Commenti

commenti