Home | News | Cronaca | Forestale: l’alcamese Adamo rinviato a giudizio per l’incendio del giugno 2015
Forestale: l’alcamese Adamo rinviato a giudizio per l’incendio del giugno 2015

Forestale: l’alcamese Adamo rinviato a giudizio per l’incendio del giugno 2015

Redazione | 9 novembre 2017 | Cronaca, News

 

Dopo due istanze di patteggiamento rigettate dal GUP di Trapani, il Tribunale Monocratico presieduto dal giudice Franco Messina ha rinviato a giudizio l’alcamese Benedetto Adamo, 59 anni, ex comandante della Forestale al distaccamento di Erice, per reati che sarebbero stati commessi in occasione del vasto incendio del 13 giugno 2015 sul versante sud di Monte San Giuliano.

Adamo, che andrà sotto processo a partire dal 6 febbraio 2018 e che è assistito dall’avvocato Donatella Buscaino, è accusato di incendio boschivo, truffa e peculato. L’impulso decisivo all’inchiesta venne dato da un esposto presentato dall’ex sindaco di Erice Giacomo Tranchida e dall’associazione Codici e in cui si chiedeva di accertare eventuali responsabilità per omissioni o ritardi dei primi interventi.

Dalle indagini della procura di Trapani è poi emerso che il comandante Benedetto Adamo non si sarebbe trovato sul posto di lavoro violando i propri doveri di presenza in servizio e quindi omettendo di attivare le prime urgentissime manovre che potevano scongiurare la diffusione dell’incendio.

L’ex comandante della Forestale di Erice deve rispondere anche di truffa, per aver registrato la propria presenza presso la sede di servizio mentre in realtà si trovava altrove, e di peculato per uso improprio del mezzo e del relativo carburante. Il tutto ai danni del comune ericino e della Regione. Quest’ultima, seppure indicata come parte offesa, non si è costituita parte civile come invece fatto dal comune della Vetta e dall’associazione Codici.

 

Commenti

commenti