Home | News | Attualità | PalaTreSanti e Catella ok. Il PalaDangelo resta una chimera?
PalaTreSanti e Catella ok. Il PalaDangelo resta una chimera?

PalaTreSanti e Catella ok. Il PalaDangelo resta una chimera?

Piero Messana | 19 ottobre 2017 | Attualità, News, Sport

 

L’Alcamo potrà finalmente ritornare a giocare al “Catella”, dopo avere peregrinato per circa due mesi, e la Libertas potrà praticare l’ingresso a pagamento al “PalaTreSanti”. Il benestare è arrivato dopo i sopralluoghi della commissione comunale pubblici spettacoli.

La società bianconera, per ritornare a “casa” ha dovuto però rinunciare alla maggiorparte della capienza del “Lelio Catella” che da 4.350 spettatori scende ad appena 500. La limitazione rimarrà tale fin quando l’amministrazione comunale non ripristinerà il funzionamento dei bagni pubblici, guasti da diversi mesi.

Domenica, quindi, alle 15.30 l’Alcamo ospiterà al “Catella” il Campofranco mentre, nella stessa giornata, ma alle 18, la Libertas giocherà al palazzetto di contrada Tre Santi con il Cus Catania e potrà far pagare regolare biglietto d’ingresso. Qui tutto era ed è funzionante ma bisognava ultimare la pratica necessaria per ottenere l’autorizzazione di pubblica sicurezza.

Un altro impianto sportivo alcamese sta invece diventando una chimera. Il “PalaDangelo”, infatti, rimane chiuso nonostante alcuni mesi fa sia stato definito il transito dal Libero Consorzio (ex Provincia) al Comune. La struttura è già stata ripulita da un paio di squadre di operai ma bisogna ancora intervenire per il rifacimento della zona centrale del parquet.

Intanto le società sportive alcamesi stanno già presentando le istanze per utilizzare il vasto e funzionale palazzetto. La giunta Surdi, però, dovrà prima decidere a quali discipline sportive assegnarlo e con quali criteri gestirlo.

Necessita quindi anche il Regolamento per la Gestione degli Impianti Sportivi, regolamento che non può essere approvato dal consiglio comunale perché ancora mancante del parere obbligatorio ma non vincolante della Consulta dello Sport. L’importante organismo, però, non è stato ancora varato dalla giunta Surdi a 16 mesi dal suo insediamento.

Commenti

commenti