Home | Rubriche | Imprese ed incentivi | Misura 3.5.1_02: aiuti alle imprese in fase di avviamento

Misura 3.5.1_02: aiuti alle imprese in fase di avviamento

Misura 3.5.1_02: aiuti alle imprese in fase di avviamento

Ing. Vito Alessio Iovino | 1 giugno 2017 | Imprese ed incentivi, News, Rubriche

 

Con lo scopo di favorire la nascita e lo sviluppo di nuove imprese arrivano incentivi diretti finalizzati all’acquisizione di attivi materiali e immateriali, tramite la concessione di agevolazioni sotto forma di contributi in conto capitale sulla base di una procedura valutativa a sportello. Possono accedere alle agevolazioni le PMI (Piccole e medie imprese) compresi i professionisti che non siano costituiti da più di 5 anni  e che nel caso del sociale rientrano nella sezione dell’Ateco 2007 Sezione Q – Sanità e Assistenza Sociale.

Il programma proposto deve essere riferito ad un investimento complessivo che va da un minimo di euro 35.000,00 ad un massimo di euro 250.000,00 e prevede il finanziamento delle seguenti spese ammissibili:

  • Opere edili di ristrutturazione su edifici già esistenti (max 40% totale investimento)
  • Impianti, macchinari, attrezzature nuovi di fabbrica
  • Software e Servizi e-commerce
  • Servizi di Consulenza e di sostegno all’innovazione

Le risorse stanziate per il presente bando ammontano a euro 20.000.000,00. Gli aiuti concessi sono a titolo di de minimis tramite un contributo in conto capitale fino a 75% delle spese ritenute ammissibili.

Per la scadenza della presentazione delle domande si attende, ancora, la pubblicazione in G.U.R.S.

Quanto ai requisiti di ammissibilità, è richiesto quanto segue:

  • essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori;
  • essere in regola con la normativa antimafia;
  • possedere la capacità economico-finanziaria in relazione al progetto da realizzare che dovrà essere documentata mediante attestazione rilasciata da un istituto di credito comprovante la solidità dell’impresa istante, nonché la reale capacità di fare fronte sia alla quota di cofinanziamento a proprio carico che alle esigenze tecniche e agli impegni finanziari assunti, allegata a corredo della domanda di partecipazione;
  • avere sede o unità produttiva locale destinataria dell’intervento nel territorio regionale. Per le imprese prive di sede o unità operativa in Sicilia al momento della domanda, detto requisito deve sussistere al momento del primo pagamento dell’aiuto concesso a titolo di anticipo o a saldo;
  • Esercitare un’attività identificata come prevalente rientrante in uno Codici ATECO ISTAT 2007 di cui al paragrafo 2.1. comma 1;
  • essere regolarmente iscritto:
  • nei casi previsti dalla legge, nel registro delle imprese della CCIAA territorialmente competente;
  • nel caso di professionisti obbligati all’iscrizione in albi tenuti da ordini o collegi professionali, al pertinente albo professionale;
  • nel caso di professionisti non obbligati all’iscrizione in albi tenuti da ordini o collegi professionali, iscrizione IVA ed alla Gestione Separata INPS.

Gli aiuti de minimis possono essere cumulati con gli aiuti de minimis concessi a norma del regolamento (UE) n. 360/2012 della Commissione a concorrenza del massimale previsto in tale regolamento. Essi possono essere cumulati con aiuti de minimis concessi a norma di altri regolamenti de minimis a condizione che non superino il massimale pertinente di cui all’art. 3, paragrafo 2 del regolamento (UE) n. 1407/2013. Gli aiuti de minimis non sono cumulabili con aiuti di Stato concessi per gli stessi costi ammissibili o con aiuti di Stato relativi alla stessa misura di finanziamento di rischio se tale cumulo comporta il superamento dell’intensità di aiuto o dell’importo di aiuto più elevati fissati, per le specifiche circostanze di ogni caso, in un regolamento di esenzione per categoria o in una decisione adottata dalla Commissione. Gli aiuti de minimis che non sono concessi per specifici costi ammissibili o non sono ad essi imputabili possono essere cumulati con altri aiuti di Stato concessi a norma di un regolamento di esenzione per categoria o di una decisione adottata dalla Commissione.

 

 

Commenti

commenti

progettoimpresa@gmail.com