- Ideazionenews - http://www.ideazionenews.it -

Mattarella scrive a Gulotta: “Troppi impegni, niente udienza privata ma plauso al comportamento dell’uomo”

In poco più di quattro mesi la petizione pubblicata su change.org ha raggiunto quasi 6.500 sottoscrizioni. Anche per questo la Presidenza della Repubblica ha deciso di scrivere a Giuseppe Gulotta, l’alcamese ingiustamente detenuto, per oltre 20 anni, perché ritenuto colpevole della strage di Alcamo Marina.
Nella lettera la segreteria del Capo dello Stato sottolinea l’ingiusta detenzione, fa riferimento alla raccolta firme on line arrivata a 6.374 in cui si chiede un incontro tra Gulotta-Mattarella, sottolinea il “sincero apprezzamento” per la condotta che l’uomo ha tenuto in tutti questi anni e per la “serena fiducia nella giustizia” mostrata, nonostante tutto.
Proprio queste ultime sono le motivazioni che nel settembre scorso spinsero ABC a presentare una mozione, approvata all’unanimità dal consiglio comunale, per conferire la cittadinanza onoraria a Gulotta. Cerimonia poi effettuata a fine dello scorso mese di gennaio.
Alcamo Bene Comune da un lato esprime soddisfazione per la lettere inviata a Giuseppe Gulotta dalla Presidenza della Repubblica ma al contempo esterna tutto il suo rammarico per l’impossibilità, manifestata dalla stessa istituzione, di concretizzare l’incontro fra Mattarella e Gulotta “per i numerosi impegni istituzionali”.
Forse, per far si che l’udienza privata venga concessa da Mattarella a Gulotta, bisognerà chiarire e prendere posizione sul ruolo, nella vicenda, dell’Arma dei Carabinieri, storica forza armata che, in quante tale, ha come capo supremo, secondo la Costituzione, proprio il presidente della repubblica.

Commenti

commenti