Home | News | Cronaca | D’Alì, raggiunto da una proposta di obbligo di dimora, sospende la sua campagna elettorale. La notifica subito dopo la chiusura delle liste

D’Alì, raggiunto da una proposta di obbligo di dimora, sospende la sua campagna elettorale. La notifica subito dopo la chiusura delle liste
Il senatore Antonio D'Alì

D’Alì, raggiunto da una proposta di obbligo di dimora, sospende la sua campagna elettorale. La notifica subito dopo la chiusura delle liste

Piero Messana | 18 maggio 2017 | Cronaca, News

 

Secondo la DDA di Palermo sarebbe “socialmente pericoloso” e quindi ha proposto, per il senatore Antonio D’Alì, appena candidatosi a sindaco di Trapani, l’obbligo di dimora.

Il politico trapanese ha immediatamente sospeso la sua campagna elettorale dichiarando anche, in una nota-stampa, di “tornare a Roma per onorare il mandato parlamentare, poiché ritengo che, pure essendo stato assolto da ogni accusa anche in appello, non potrei condurre le iniziative elettorali con questo carico di infamia scaricatomi addosso”.

La notifica della proposta della misura di prevenzione, dell’obbligo di soggiorno nel comune di residenza, è stata notificata a D’Alì esattamente un’ora dopo la scadenza dei termini per le candidature alle elezioni amministrative.

La proposta di soggiorno obbligato, avanzata dalla Procura distrettuale antimafia di Palermo e in discussione non prima del prossimo mese di luglio, non si basa su elementi nuovi, bensì sul contenuto di vecchie sentenze e vecchie indagini.

Nonostante questo è stata sottoscritta il 4 maggio scorso dai procuratori della DDA e notificata ieri pomeriggio. D’Alì, oramai, non poteva essere sostituito da un altro candidato a sindaco .

Imputato in passato per concorso esterno in associazione mafiosa, Antonio D’Alì si è visto prescrivere i reati contestati fino al 1994, mentre ha ottenuto l’assoluzione, anche in appello, per gli anni successivi.

Il senatore, amareggiato, si è quindi sospeso anche se, probabilmente, non si ritirerà per non causare la decadenza delle tre liste a lui collegate. “Alla luce della tempistica di tale vicenda – ha detto D’Alì – mi pare, onestamente, improvvida, intempestiva oltre che persecutoria”.

 

Commenti

commenti