- Ideazionenews - http://www.ideazionenews.it -

Zona (SENZA) rimozione

Ma vediamo di capire cosa è successo.

Nel 2004 la gara per l’assegnazione del servizio di rimozione forzata dei veicoli viene aggiudicata alla C. S. Pegaso con un ribasso di 38,18% .

Nel 2007 la ditta risulta inadempiente, in quanto non versa al Comune di Alcamo come stabilito, il 38,18 % dei propri introiti derivanti dalla rimozione auto.

Il Comune, anziché chiedere l’esecuzione della somma e risolvere il contratto, decide di  rinnovare  la fiducia alla ditta per altri due anni.

Nel 2009 la C.S. Pegaso vince nuovamente la gara d’appalto (essendo lei l’unica partecipante) questa volta con un ribasso di appena il 2,11%.

Alla fine del 2009 la C.S. Pegaso cede la gestione del servizio alla Centro Servizi Pegaso, che come la precedente ditta continua ad essere in debito nei confronti del Comune.

Arriviamo poi al 2011 quando subentra un'ulteriore società, la Seris, ramo della Centro Servizi Pegaso che continua il servizio.

Intanto l’ufficio legale del Comune di Alcamo si limita ad invitare le ditte a versare quanto dovuto pena l’avvio di una procedura esecutiva della somma e la risoluzione del contratto.

Il debito delle aziende nei confronti del Comune di Alcamo risulta ancora di circa 35.000 €.

La vicenda trova pubblica ribalta grazie all’intervento del consigliere di ABC Sebastiano Dara che durante il consiglio comunale atto ad esaminare ed approvare il consuntivo 2011 chiede chiarimenti sull'accaduto.

A seguito di questa sollevazione si prende atto che l’ufficio legale ha iniziato la procedura per il recupero delle somme e la rescissione del contratto.

Si attende, adesso, la riassegnazione del servizio di rimozione; nel frattempo, possiamo continuare a posteggiare in zona (senza) rimozione, senza il  timore di dover recuperare l’auto al deposito comunale.

Commenti

commenti