Home | News | Attualità | “Azzeriamo tutto e rifacciamo le selezioni”, revocato il Piano Giovani
“Azzeriamo tutto e rifacciamo le selezioni”, revocato il Piano Giovani

“Azzeriamo tutto e rifacciamo le selezioni”, revocato il Piano Giovani

Miriam Gagliardo | 17 agosto 2014 | Attualità, News

 

Non sono validi i 1.600 tirocini assegnati durante i primi due click day; arriva l’ufficialità dopo un ferragosto di polemiche da parte dei giovani che non sono riusciti a collegarsi alla piattaforma e lo sdegno di Crocetta verso un sistema poco trasparente che premiava i più veloci e non i più meritevoli.

Tanti infatti i dubbi sugli incroci tra aspiranti tirocinanti e aziende: molti giovani non sono riusciti a collegarsi a causa del black out del server. Azzeriamo tutto e rifacciamo la selezioni con un altro meccanismo che non veda premiante soltanto il tempo, cioè chi prima si collega al sito”, dice il presidente della Regione. “Il Piano giovani va avanti, quello dei tirocini era soltanto una parte dell’iniziativa e comunque ripeteremo l’assegnazione entro settembre, ai ragazzi prometto che questo piano creato per loro non si fermerà”.

“Il risultato dei controlli è stato che solo il 46 per cento dell’utenza che ha tentato di accedere ha potuto concorrere all’aggiudicazione delle prime 800 posizioni (tirocini, ndr) premiate il 5 agosto, mentre il restante 54 per cento non ha avuto la stessa pari opportunità”, si legge nella relazione richiesta dal presidente della Regione. “Non può sottacersi che, a parere della scrivente società, vi è stato un errore nell’analisi e nella modellizzazione del processo, nella misura in cui il fornitore non ha tenuto conto, così come avrebbe dovuto, del fattore tempo e dei comportamenti parossistici dell’utenza”. 

Molti utenti infatti, avrebbero tentato l’accesso con il medesimo username da computer e browser diversi. Molte le polemiche scatenate sui social da parte dei migliaia disoccupati che si sono visti tagliati fuori da un metodo per nulla meritocratico.

Tra chi spera che la meritocrazia torni di moda e chi non riuscirà a iniziare il proprio percorso di tirocinio, il Piano Giovani ad oggi è una sconfitta per tutti, per il merito, per i giovani e per Crocetta che adesso vuole far presto, assicurando che “il Piano andrà avanti per gli aspiranti tirocinanti, per le aziende e per i futuri liberi professionisti, praticanti avvocati e commercialisti che percepiranno per la prima volta un rimborso spese durante la loro attività di tirocinio”. 

Adesso si attendono nuove direttive sul nuovo sistema di incrocio.

Commenti

commenti