Home | News | Attualità | “Ora della terra” l’iniziativa del rinnovamento energetico
“Ora della terra” l’iniziativa del rinnovamento energetico

“Ora della terra” l’iniziativa del rinnovamento energetico

Redazione | 26 marzo 2014 | Attualità, News

 

Anche il comune di Alcamo aderisce alla VIII edizione dell’iniziativa promossa dal WWF ed intitolata “Earth Hour” L’ora della Terra, la più grande mobilitazione contro i cambiamenti climatici che, partendo dal gesto simbolico di spegnere le luci per un’ora, coinvolge cittadini, istituzioni e imprese in azioni concrete per un futuro sostenibile e vincere la sfida planetaria del cambiamento climatico.

“L’obiettivo è – asserisce l’assessore all’ambiente della Giunta Bonventre, Salvatore Cusumano – di sensibilizzare tutti al risparmio energetico e delle risorse naturali, partendo dall’idea di fondo che, di fronte alla carenza di fonti di energia rinnovabile e ai cambiamenti climatici la scelta è cercare nuove fonti di energia o consumare di meno, perché per ridurre le emissioni di gas serra responsabili del cambiamento climatico bisogna intervenire sui nostri consumi di energia.

E – continua Cusumano – anche nella nostra Città saranno spente le luci simbolo (così come si spegneranno a Londra, a Parigi, a Mosca ecc.) del centro storico, quali quelle del Castello dei Conti di Modica, dei lampioni di Piazza Ciullo, della via Mazzini e della via Barone San Giuseppe, dalle ore 20.30 alle ore 21.30 del 29 Marzo.

Il Sindaco Sebastiano Bonventre afferma: “ognuno di noi è sia parte del problema che della soluzione, a partire dalla riduzione delle emissioni di gas serra nelle abitudini quotidiane fino all’azione nei confronti dei governi nazionali e non solo, affinché si adottino politiche energetiche a favore delle  fonti rinnovabili. E per ridurre le emissioni di gas serra bisogna che tutti e le istituzioni per prima che io rappresento, insieme a comunità, aziende, cittadini collaborino per avviare un grande cambiamento. E la partecipazione all’iniziativa “l’ora della terra” è anche uno dei primi impegni per la riduzione dei gas serra così come previsto dal Patto dei Sindaci”.

Commenti

commenti