Home | News | Cronaca (pagina 62)

Ricerche a vuoto: Rosanna Vutano non si trova da 10 giorni

ragazza scomparsa

E’ uscita da casa giovedì 17 novembre, alle 6 del mattino, e da quel momento si sono perdute le sue tracce. Nessuna novità, quindi, sulla scomparsa di Rosanna Vutano, giovane marsalese di 24 anni, residente in contrada Ciancio. Un paio di giorni fa si è tenuto un vertice in prefettura per attivare, a tappeto, le ricerche della ragazza (un metro e 66 centimetri di altezza, corporatura robusta e capelli rasati a zero). Subito si sono messi all’opera carabinieri, polizia, finanzieri, vigili urbani e anche protezione civile. Chiesta più volte la collaborazione dei cittadini marsalesi ed in generale di tutti coloro che ... Continua a leggere »

“Black friday” anche per il maltempo, in Sicilia: allagamenti, piogge torrenziali e due dispersi

alluvione Sciacca

Quelli di ieri è stato davvero un “black friday” e lo è stato soprattutto per la costa ionica e per l’agrigentino. Le abbondanti piogge hanno devastato il territorio e causato grossi problemi anche alle abitazioni. Il bilancio dei danni, all’indomani, appare veramente drammatico. Due dispersi, uno a Sciacca e un altro a Letojanni. Sul territorio saccense, in circa un’ora, sono addirittura caduti 197 mm di pioggia, mentre nell’hinterland di Taormina, in circa un’ora e mezza, ne sono caduto oltre 200. Sciacca è rimasta quasi isolata con collegamenti interrotti o in tilt soprattutto fra Ribera e Menfi. Grossi disagi anche nella ... Continua a leggere »

“Cemento del Golfo”: indagati rinviati a giudizio. Via al processo il 15 dicembre

rinvii

Prenderà il via il 15 dicembre, con il rito ordinario, presso l’aula bunker del tribunale di Trapani,  il processo contro cinque delle sei persone coinvolte nell’ambito dell’operazione antimafia “Cemento del Golfo”. I sei indagati sono stati tutti rinviati a giudizio. L’alcamese Vincenzo Artale e i castellammaresi Mariano Saracino, Martino Magaddino, Vito e Martino Badalucco saranno processati con il rito ordinario mentre Vito Turriciano ha scelto l’abbreviato e sarà quindi giudicato dal Gup il 17 gennaio prossimo. Tutti sono accusati a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione aggravata, danneggiamento aggravato, fittizia intestazione aggravata, frode nelle pubbliche forniture e furto. Il tutto per ... Continua a leggere »

Terribile ad Alcamo: un ragazzino di 13 anni, per un disagio interiore, si brucia il volto

ragazzino

Tragedia sfiorata ad Alcamo: un episodio di quelli che sconvolgono le coscienze e che turbano la tranquillità interiore di giovani e adulti. Un ragazzino di soli 13 anni, scosso da vicende che forse gli avevano fatto male al cuore, non appena giunto nei pressi della sua scuola, ha deciso di cospargersi il volto con liquido infiammabile e di avvicinare la fiamma di un accendino. Un dolore atroce, quello interiore ma soprattutto quello causato dal fuoco, che ha lasciato allibite le persone che hanno assistito alla scena. Immediati, comunque, i soccorsi al tredicenne che nel frattempo, per fermare le fiamme, si ... Continua a leggere »

Agguato e colpo di pistola ad Alcamo: ferito, alla gamba, un operaio di 30 anni

foto per agguato

Avvertimento con colpo di arma da fuoco, ieri ad Alcamo, nello storico quartiere di “Santu Vituzzu”, in una stradina nei pressi di un noto bar con annesso distributore di carburante. Un operaio di 30 anni, mentre stava recandosi al lavoro, intorno alle 9.30, è stato affiancato da uno scooter e raggiunto da un colpo di pistola sparato dallo stesso conducente del motociclo. Il proiettile, partito da un arma da fuoco di piccolo calibro, ha centrato la gamba sinistra del trentenne che è stato subito soccorso e trasportato al pronto soccorso dell’ospedale “San Vito e Santo Spirito”. La vittima è stata giudicata ... Continua a leggere »

Omicidio di Nubia: ben 23 coltellate per un atto di estrema efferatezza

villa

Un omicidio di inaudita efferatezza. Ben 23 coltellate sferrate dall’ex marito ad Anna Manuguerra, la donna uccisa ieri a Nubia, frazione di Paceco. Quella letale ha colpito il cuore della sessantenne. La follia omicida del marito, Antonio Madone, carpentiere di 60 anni, si è consumato tra le mura domestiche, in via della Speranza, a Nubia, dove l’abitazione coniugale, da tempo, era stata suddivisa in due dopo che la coppia aveva deciso di separarsi. Un grosso coltello da cucina che ha devastato il corpo della donna e le ha procurato copiose perdite di sangue. A dare l’allarme sono stati la madre ... Continua a leggere »

Regione: becero “regalo di nozze”, busta con proiettili, all’assessore Miccichè

assessore Miccichè

Brutto gesto intimidatorio nei confronti di Gianluca Miccichè, assessore regionale al lavoro e fondatore, assieme agli altri fuoriusciti dall’UDC, del gruppo “Centristi per la Sicilia”. Ignoti hanno inviato, a loro modo, auguri e regalo di nozze: una busta con quattro proiettili calibro 38 depositata nella buca delle lettere della segreteria politica di Miccichè, in via Angelico Lipani, a Caltanissetta. La breve missiva conteneva il tetro messaggio: “Questo è il tuo regalo di nozze. Con i prossimi (proiettili ndr) ti centriamo in pieno”. L’episodio, ovviamente, è stato denunciato alla polizia e subito, a Caltanissetta, si è riunito il comitato per l’ordine ... Continua a leggere »

Corruzione: arrestati Rando, dirigente della Regione, e Sucato, consulente di un’azienda di energie rinnovabili

Arresto-corruzione-2

Un funzionario della Regione e un consulente di una società leader nelle energie rinnovabili, e anche assessore in carica ai lavori pubblici a Santa Flavia, sono stati arrestati dai carabinieri, coordinati dalla Procura di Palermo. Si tratta di Salvatore Rando e Vincenzo Salvatore Sucato. Sono accusati di corruzione in concorso per il rilascio, previo pagamento di una tangente di 7 mila euro, di un decreto autorizzativo in sanatoria. Le indagini, condotte dal procuratore aggiunto Bernardo Petralia e dal sostituto procuratore Claudia Ferrari, hanno consentito di documentare, attraverso foto e video, la condotta corruttiva di Sucato nei confronti del dirigente dell’assessorato regionale all’energia Salvatore ... Continua a leggere »

Stragi del 1992: chiesto rinvio a giudizio per Messina Denaro. Il boss è latitante da 23 anni

ecco

Prima l’ordinanza di custodia cautelare emessa nel gennaio scorso ed ora la richiesta di rinvio a giudizio quale mandante delle stragi di Capaci e di via D’Amelio. Il superboss Matteo Messina Denaro, però, è latitante e ricercato da ben 23 anni. I pm di Caltanissetta, che hanno fissato l’udienza preliminare per il prossimo 22 dicembre, hanno notificato la richiesta di rinvio a giudizio presso l’abitazione della madre di Messina Denaro, a Castelvetrano. Per la procura di Caltanissetta guidata da Amedeo Burtone (coadiuvato da Luciani, Paci e Sava), Matteo Messina Denaro fu uno dei capi della “cupola” mafiosa che decretarono la morte di ... Continua a leggere »

Isola delle Femmine: arrestate cinque persone. Stavano rubando in un’azienda dismessa

arrestati

Stavano rubando all’interno di un’azienda dismessa che operava nella costruzione di prefabbricati, ma sono stati bloccati dai carabinieri. E’ accaduto a Isola delle Femmine dove sono stati arrestati 5 palermitani, alcuni imparentati fra di loro. In manette, quindi, Salvatore  Agnetta(di 36 anni), Alessandro Damasco (di 38 anni), e il suo omonimo di 34 anni, Giuseppe Damasco, 33 anni e Gioacchino Favazza, 27 anni. I carabinieri sono intervenuti dopo avere notato alcuni movimenti sospetti, davanti all’azienda, e intervenuti al suo interno sono riusciti a bloccare in extremis i malviventi che avevano già raccattato un’abbondante refurtiva. I cinque, infatti, avevano già caricato ... Continua a leggere »