Home | News | Cronaca (pagina 60)

Gasolio: truffa allo Stato da 25 milioni e affari per 40. Impianti sequestrati a Alcamo e Mazara

gasolio

Una colossale truffa all’Erario, pari a 25 milioni di euro in due anni, è stata sventata dal nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Trapani assieme all’agenzia delle dogane. Gli illeciti affari ruotano attorno al commercio di gasolio di contrabbando. Secondo gli investigatori il maxi-raggiro sarebbe partito dal più importante deposito di carburanti della Sicilia, quello della “Pinta Zottolo” di Mazara del Vallo, i cui silos, capaci di contenere circa quattro milioni di litri di oli minerali, sono finiti sotto sequestro. Oltre cento gli indagati, tra cui anche un ex sindaco di Mazara del Vallo, Ignazio Giacalone, presidente del cda della società ... Continua a leggere »

Trapani: sequestro da 25 mln a Giuseppe Ruggirello, imprenditore edile di 81 anni

eccolo

Beni per 25 milioni di euro sono stati sequestrati dalla DIA di Trapani all’imprenditore edile Giuseppe Ruggirello, 81 anni, ritenuto vicino ad ambienti mafiosi e accusato di intestazione fittizia di beni. Sigilli a quattro complessi aziendali (novanta immobili tra appartamenti, esercizi commerciali e depositi), autovetture, depositi bancari e una lussuosa imbarcazione da diporto. Il provvedimento è stato emesso dalle misure di prevenzione del Tribunale di Trapani che ha accolto la proposta del procuratore aggiunto di Palermo Bernardo Petralia e del pm Pierangelo Padova. L’indagine è scaturita da alcune segnalazioni degli organi di vigilanza della Banca d’Italia in merito a un’anomala operatività di un istituto di credito pugliese,la BCC di Alberobello, ... Continua a leggere »

Polizia: nuovamente arrestato un pregiudicato. Deve scontare 32 mesi di carcere

Vitale foto def

La polizia del commissariato di Alcamo, dopo un’intensa ricerca sul territorio comunale e dintorni, ha rintracciato e arrestato Saverio Vitale, pregiudicato di 26 anni, destinatario di un ordine di cattura emesso dalla Corte d’Appello di Palermo per detenzione e spaccio di stupefacenti. I fatti risalgono al 2011 ma il giovane alcamese, ritenuto dagli investigatori un elemento di spicco negli ambienti dello spaccio di stupefacenti, anche nell’estate 2015 venne fermato dalla polizia. A bordo ella sua autovettura e nella sua abitazione fu ritrovato un cospicuo quantitativo di marijuana. Dopo il nuovo arresto, Saverio Vitale è stato condotto dapprima in commissariato e poi presso la ... Continua a leggere »

“Borsellino quater”: chiesto l’ergastolo per Madonia e Tutino. Richieste pesanti per i tre falsi pentiti

strage via d'amelio

Due ergastoli e condanne dagli 8 ai 14 anni al processo “Borsellino quater”, il quarto sulla strage di via D’Amelio, che si sta svolgendo dinanzi al tribunale di Caltanissetta. Il procuratore nisseno Amedeo Bertone ha chiesto il carcere a vita per Salvo Madonia e Vittorio Tutino, i mafiosi ritenuti responsabili della strage in cui persero la vita il giudice Borsellino e 5 poliziotti della scorta. Chiesti, inoltre, 8 anni e 6 mesi di reclusione per Vincenzo Scarantino e  ben 14 anni ciascuno per Francesco Andriotta e Calogero Pulci, i tre falsi pentiti accusati di calunnia per le dichiarazioni rese durante le prime ... Continua a leggere »

Messina Denaro: arresti e avvisi di garanzia per imprenditori, tecnici e funzionari comunali

Gli arrestati "Saro" Firenze e Salvatore Sciacca

Due arresti, imprenditori interdetti, perquisizioni all’ufficio tecnico del comune e funzionari pubblici raggiunti da avvisi di garanzia. E’ questo il risultato di “Ebano”, l’ennesima operazione dei carabinieri volta a fare terra bruciata attorno a Matteo Messina Denaro. Le indagini, condotte dai carabinieri del reparto operativo dei carabinieri di Trapani, guidati dal maggiore Antonio Merola, hanno fotografato un periodo recente delle attività della cosca mafiosa di Castelvetrano. Anche alcuni appalti pubblici, secondo le indagini, venivano pilotati al fine di favorire, economicamente Matteo Messina Denaro, 54 anni, il latitante più ricercato d’Italia ed al quale si da la caccia dal 1993. In carcere è ... Continua a leggere »

Denunce di Polizia e carabinieri: alcamesi, titolari di un vivaio a Balestrate, rubavano la corrente

vivaio

Nove persone denunciate di cui sei a Partinico e tre a Balestrate, ma alcamesi, per vari reati: furto di energia elettrica, detenzione ai fini di spaccio di droga, resistenza a pubblico ufficiale, violazione della sorveglianza speciale e anche violazione dei doveri legati alla custodia di cose sottoposte a sequestro. E’ questo il bilancio di due operazioni di controllo del territorio messe a segno dai carabinieri della compagnia di Partinico e dalla polizia. I soci di una grande azienda agricola, “Il sole che sorge”, con relativo vivaio a Balestrate, sono stati denunciati per furto di energia elettrica. Si tratta di A.N. di ... Continua a leggere »

Sigilli all’eliporto di Campobello: irregolarità nelle autorizzazioni rilasciate dal comune

eliporto sequestrato

Presunti illeciti  commessi dai direttori dei lavori in concorso con il rappresentante legale della ditta incaricata alla realizzazione dell’opera. Dopo alcune perquisizioni negli uffici del comune campobellese, è stato sequestrato l’eliporto di Campobello di Mazara. La struttura, costata 400.000 euro e confinanziata dall’Unione Europea, è già ultimata ma non ancora funzionante per il mancato rilascio dell’autorizzazione da parte dell’ENAC. Secondo i carabinieri, che hanno condotto le indagini, la superficie eliportuale saqrebbe stata realizzata grazie ad alcune attestazioni rilasciate, illegittimamente, dai funzionari del comune di Campobello di Mazara. Si tratterebbe di irregolarità  nella realizzazione dell’opera, nella fornitura dell’impianto elettrico volto a garantire ... Continua a leggere »

Messina Denaro: il fratello del boss, ancora in carcere, recupera i suoi beni

Dopo circa sei anni, Salvatore Messina Denaro, fratello maggiore del superlatitante Matteo, torna definitivamente in possesso dei beni che gli erano stati confiscati: società, terreni, denaro e un’auto per un valore complessivo di oltre 300.000 euro. La Cassazione, infatti, ha rigettato il ricorso presentato dalla Procura Generale di Palermo contro la decisione della Corte d’appello che, lo scorso anno, aveva disposto la revoca della confisca. Salvatore Messina Denaro, 62 anni, ex impiegato della Banca Sicula, si trova attualmente, in carcere per associazione mafiosa. Condanna a 7 anni divenuta definitiva, in Cassazione, nel novembre 2013. Il fratello del boss era stato ... Continua a leggere »

Incendio spento: oltre 3 ore di lavoro per salvare anche le abitazioni

fuoco

Tre ore e passa di lavoro, a domare pericolose fiamme, piuttosto che stare in famiglia per la festività dell’Immacolata. Alla fine, però, il fuoco è stato spento, alle 15.40 circa, e sul monte Bonifato è ritornata la calma. Alcune villette hanno rischiato di essere raggiunte dall’incendio con conseguente panico da parte degli abitanti. Le fiamme, partite a nord-ovest della montagna alcamese, sono arrivate a meno di 50 metri dalle abitazioni. Tre squadre di vigili del fuoco, due della protezione civile con al seguito anche la Croce Rossa, una del corpo forestale, hanno lavorato dalle 12,30 in poi per evitare il peggio. ... Continua a leggere »

“Immacolata” con le fiamme: l’incendio, partito dai piedi del Bonifato, sale verso alcune case

incendio-660x330

Apprensione, ad Alcamo, per l’ennesimo incendio che sta aggredendo la zona nord-ovest di Monte Bonifato. L’allarme è scattato intorno alle 12,30 in una zona pedemontana priva di abitazioni, un po’ più su del “PalaDangelo”. Il fuoco, però, sta salendo in maniera preoccupante sospinto da un leggero vento e dall’infiammabilità della macchia mediterranea e del sottobosco. Le fiamme potrebbero quindi raggiungere un gruppo di villette. Al lavoro, con grande tempestività e alacrità, tre squadre dei vigili del fuoco, altrettante della protezione civile, la Croce Rossa, una squadra del corpo forestale e alcune associazioni di volontari. La situazione appare abbastanza preoccupante e ... Continua a leggere »