Home | News | Cronaca (pagina 59)

Palermo, aggressione Don Pertini. Solidarietà al prete e più sicurezza allo zen

1482875433206.jpg--palermo__rapinato_e_picchiato_don_miguel__parroco_nipote_di_pertini

Cinque giovanissimi, hanno fatto irruzione intorno alle cinque del mattino in chiesa chiedendo del denaro al parroco Miguel Pertini, nipote dell’ex capo dello Stato Sandro Pertini; il prete ha rimediato alcuni colpi di bastone alla spalle e alla testa. “Esprimo solidarietà e vicinanza al parroco del quartiere Zen di Palermo, Miguel Pertini, aggredito ieri da malviventi. Auspico che le forze dell’ordine assicurino alla giustizia i responsabili di tale atto vile. Chi esercita una funzione pastorale in un’area difficile come fa in prima linea don Pertini merita la stima e il sostegno delle Istituzioni. Da parte mia garantirò a don Pertini tutta ... Continua a leggere »

Singolare ad Alcamo: polizia municipale multa ditta autorizzata dal Comune

770-05-18-45-5401

Una contravvenzione da 422 euro alla ditta che ha trasmesso pubblicità video, in piazza della Repubblica ad Alcamo, su di un maxi-schermo luminoso appoggiato all’impalcatura con cui, per lavori di ristrutturazione, è stata ricoperta l’ex autostazione. Fin qui niente di strano perché sarebbero state violate delle norme di legge e i regolamenti comunali. Ma la vicenda assume i contorni della “commedia dell’assurdo”. E’ stata infatti la polizia municipale ad evidenziare l’infrazione ma la ditta responsabile è stata autorizzata dall’ufficio tecnico del comune di Alcamo e per di più dopo essersi aggiudicato un avviso pubblico. Insomma fra Comune e ditta è stato ... Continua a leggere »

Torregrossa: domattina alle 10,30 l’ultimo saluto

a sinistra capitano della Don Bosco, a destra allenatore del Castellammare

Si attende una grande folla, domattina alla chiesa del Sacro Cuore di Alcamo, per l’ultimo saluto a Giovanni Torregrossa, “lu prufissuri”, uno dei più conosciuti e luminosi personaggi dello sport alcamese. Ai funerali, in programma alle ore 10.30, è prevista un’ampia partecipazione di dirigenti sportivi, appassionati, ex calciatori, dirigenti federali della Fidal, oltre che dei sui ex allievi di scuola e di sport. Seppur non alcamese, è infatti nato a Palermo e sempre il suo cuore è stato rosanero, Giovanni Torregorssa ad Alcamo ha lasciato il segno sia come insegnante di educazione artistica che come calciatore e allenatore. Ha indossato ... Continua a leggere »

Addio a Giovanni Torregrossa, un esempio di lealtà: inventò l’atletica ad Alcamo ma lanciò anche tanti calciatori

Giovanni

Si è spento ad Alcamo, all’età di 78 anni, Giovanni Torregrossa, per tanti anni insegnante di educazione artistica nelle scuole medie, e uno dei monumenti dello sport alcamese, ma non solo. Nato a Palermo, venne ad Alcamo dove giocò nell’Alcamo prima e nella Juventina e Don Bosco poi. Divenne anche allenatore dei bianconeri alcamesi che sfiorarono la promozione in serie D, fallendo lo spareggio con il Terranova nei primi anni ’70. E’ stato un professionista e un perfezionista anche e soprattutto quando si dedicò all’atletica allenando la figlia Maria Concetta che conquistò, in pista e nella corsa campestre, tantissime medaglie ... Continua a leggere »

Mazara: si getta nel fiume e poi fugge fra rimessaggi e canili. I carabinieri lo arrestano

arrestp

Evaso dagli arresti domiciliari e rintracciato dai carabinieri, si getta nel fiume per scappare alla cattura ma viene bloccato. Così i militari del NORM della compagnia di Mazara del Vallo hanno arrestato Alì Bouaziz, 51 anni, di origini tunisine. L’uomo, vistosi circondato, si era gettato dalla banchina del lungomazaro Ducezio, dove in quel momento si trovava, tentando di raggiungere a nuoto la riva opposta. Solo l’accorta manovra dei carabinieri, che nel frattempo si erano recati sulla banchina Pammilo, impediva al fuggitivo di sottrarsi alla cattura. Bouaziz, comunque, era riuscito ad accedere in un rimessaggio di barche prima e in un canile ... Continua a leggere »

Mafia: Messina Denaro non nomina legale di fiducia in udienza stragi

matteo_messina_denaro

Il boss mafioso latitante Matteo Messina Denaro non ha nominato un legale di fiducia per essere rappresentato all’udienza preliminare in cui il G.I.P. deve pronunciarsi sul suo rinvio a giudizio in ordine alle stragi mafiose palermitane nel ’92. La sua difesa è stata affidata d’ufficio all’avvocato Giovanni Pace che nell’udienza di oggi era assente e che è stato sostituito dal collega Ernesto Brivido. Da alcuni anni il mafioso non nomina avvocati di fiducia per essere rappresentato negli svariati processi in cui è imputato. E riprenderà il 23 gennaio l’udienza preliminare che lo vede imputato per il suo presunto ruolo di mandante nelle stragi del ... Continua a leggere »

Attentato a Berlino. Orlando: “Invitiamo i sindaci a esporre le bandiere a mezz’asta”

ancisicilia

“Ai familiari delle vittime e alla città di Berlino va il nostro fraterno abbraccio. In tutti noi, in queste ore, prevalgono sgomento e tristezza per il vile attentato che ha colpito tutti i fedeli, che in questi giorni si stanno preparando per le celebrazioni del Natale, e tutti noi che nei valori della libertà e della vita crediamo profondamente. Per questi motivi, siamo convinti della necessità di adoperarci tutti insieme per reprimere con la forza della cultura e dei valori condivisi ogni movimento, ogni iniziativa che attenti alla nostra sicurezza e al nostro futuro. Invitiamo, quindi, i sindaci di tutti ... Continua a leggere »

Furto e tentate rapine: arrestati a Trapani dopo un rocambolesco inseguimento in auto

Carabinieri

Rubano un auto, tentano due rapine in villette e poi, messi in fuga dai proprietari, vengono inseguiti dai carabinieri e terminano la loro folle corsa contro un muretto, cappottando più volte. E’ accaduto a Trapani dove tre giovani tunisini pregiudicati sono stati arrestati per furto di autovettura, tentato furto in abitazione e resistenza a pubblico ufficiale. A finire in manette Khaled Bn Alì, 29 anni, Mohamed Ghezaiel, ventinovenne, e Ala Rhouma di 21 anni. I tre, dopo aver rubato una Citroen nei pressi della stazione ferroviaria di Trapani, hanno provato ad introdursi in due villette di Salinagrande. I proprietari delle ... Continua a leggere »

Mafia: arrestati anche gli imprenditori Loretta. Obbligo di dimora all’ex addetto-stampa della Provincia

pronta

Messa a segno dalla polizia, fin dall’alba di oggi, l’operazione “Ermes 2”. Gli uomini della Squadra Mobile di Trapani, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, hanno eseguito undici provvedimenti e sequestrato tre imprese controllate da Cosa Nostra. Settanta i poliziotti di Trapani, Palermo, Mazara del Vallo e Castelvetrano impegnati in una nuova operazione che va ad intaccare, ancora una volta, l’entourage del superlatitante Matteo Messina Denaro. Fra gli arrestati ci sono due imprenditori, Carlo e Giuseppe Loretta, che si erano aggiudicati parte dei lavori del parco eolico mazarese “Vento di vino” e che avevano gestito in subappalto, ma solo per qualche mese, i lavori che ... Continua a leggere »

Alcamo: perde il controllo dell’auto e va a schiantarsi. Necessari i vigili del fuoco per estrarlo dall’abitacolo

L'auto dopo l'incidente

Una distrazione o, molto più probabilmente un malore, e l’auto condotta da un alcamese di 52 anni, si è andata a schiantare sul cordolo di un stazione carburanti, finendo su di un muretto e subendo notevoli danni alla carrozzeria. E’ accaduto questa mattina, alle 5,45 circa, quando A.M. stava recandosi a Palermo per lavoro, a bordo della sua Alfa 156 nera, e percorreva la provinciale per Alcamo Marina. Il violento impatto si è verificato in contrada San Gaetano all’altezza di un rifornimento e un paio di centinaia di metri prima dell’imbocco del raccordo autostradale. L’uomo è rimasto incastrato nell’abitacolo e ... Continua a leggere »