Home | News | Cronaca (pagina 20)

Muore l’alcamese Ettore Fiumara, primario di Neurochirurgia a Villa Sofia. Oggi i funerali

villa sofia

È morto l’alcamese Ettore Fiumara, primario di Neurochirurgia a Villa Sofia a Palermo. 63enne, dirigeva dal 2012  l’unità operativa. Dopo la laurea aveva lavorato all’ospedale Niguarda di Milano. Poi, alla fine degli anni Novanta era rientrato a Palermo, ricoprendo vari incarichi a Villa Sofia. “Era un grande professionista e un’ottima persona – dice chi lo conosceva bene -. Questa è una bruttissima notizia per la sanità siciliana”. I funerali si terranno oggi, mercoledi 27 dicembre, alle 15.30 in chiesa Madre. Continua a leggere »

Grossa vincita ad Alcamo: 136.950 euro al lotto nel tabacchi di corso San Francesco di Paola

corso-di-paola-660x330

Tre quaterne e ben 12 terni hanno fruttato, ad Alcamo, la vincita record, al gioco del lotto, di 136.950 euro a un fortunatissimo giocatore che ha puntato appena un euro sui numeri  15, 39, 41 e 51. La cifra è il frutto degli stessi numeri giocati due volte sulla ruota di Palermo e una su tutte le ruote. Quindi 62.250 euro grazie a una quaterna e quattro terni sulla ruota di Palermo, stessa cifra per la seconda identica giocata e 12.450 euro per gli stessi numeri su tutte le ruote. Si tratta della massima cifra ottenuta nell’estrazione di giovedì scorso ... Continua a leggere »

Tredicenne costretta a prostituirsi, arrestato un allevatore di Gibellina

violenza minore

Un allevatore sessantunenne di Gibellina è stato fermato dai carabinieri di Sciacca alla guida della sua automobile, con a bordo una ragazza di tredici anni. Dagli accertamenti è emerso che l’uomo l’aveva portata in un ovile per farla prostituire con diversi uomini, di nazionalità romena. L’uomo, P.C., è stato quindi arrestato con l’accusa di sfruttamento della prostituzione. Sono in corso ulteriori indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Sciacca. La Procura di Sciacca ha chiesto la convalida e l’applicazione della custodia in carcere che è stata disposta dal gip. La ragazzina è stata affidata ad una struttura di accoglienza. Continua a leggere »

Ruba borsa da auto: altro arresto per giovane alcamese di origini ucraine

A soli 21 anni vanta un “curriculum” penale abbastanza vasto, è molto noto alle forze dell’ordine e si trova già sottoposto alla sorveglianza speciale e all’obbligo di dimora. Adesso Mykola Melia, originario dell’Ucraina ma alcamese d’adozione,  è stato nuovamente arrestato. Il giovane è stato colto dai carabinieri in flagranza di reato mentre, a Castellammare del Golfo,  in una zona appartata di via Segesta, infrangeva con un sasso il cristallo posteriore di una Fiat Panda per impossessarsi di una borsa presente sui sedili e allontanarai poi velocemente. I carabinieri però, notata tutta la scena, si sono lanciati all’inseguimento del ventunenne che provava a ... Continua a leggere »

Alcamo, altra rottura alle condutture. Altro slittamento nell’erogazione?

alla

Una nuova rottura alla conduttura idrica che porta l’acqua da Montescuro Ovest ai serbatoi del comune di Alcamo e probabilmente slitteranno di un altro giorno i turni di erogazione. In attesa che si concludano i lavori alle sorgenti di Cannizzaro, la situazione rimane davvero molto critica. Questa mattina, poco dopo le 9, un grosso e potente gettito d’acqua ha invaso lo spiazzale di una ditta che produce autogru, in contrada Setterino, lungo la statale 113, circa un chilometro prima dello svincolo autostradale. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Alcamo per scongiurare timori di frane sulla sede stradale. ... Continua a leggere »

Arrestato il latitante Matteo Peraino, era fuggito dagli arresti domiciliari

carabinieri arrestano

Sono stati i Carabinieri a porre fine alla latitanza di Matteo Peraino (54 anni) rintracciandolo in una casa abbandonata della frazione ericina di Napola. L’uomo, evaso lo scorso 9 ottobre dagli arresti domiciliari a cui era sottoposto, per i numerosi furti operati nel trapanese, aveva fatto perdere le proprie tracce strappandosi il braccialetto elettronico. Dichiarato latitante il 30 ottobre dal gip del Tribunale di Trapani, era destinatario di una modifica del regime di misura cautelare, sarebbe stato tradotto in carcere a causa del rischio fuga. L’attività investigativa, portata avanti dai militari dell’Arma e coordinate dal pm Andrea Tarondo, anche con l’ausilio ... Continua a leggere »

Arrestato un incensurato con 110 grammi di cocaina. La vendita avrebbe procurato 10.000 euro

Vilardi e la droga

Incensurato ma da tempo seguito dagli investigatori del commissariato di Polizia di Alcamo. Giuseppe Vilardi, coltivatore diretto, 50 anni, è stato adesso arrestato per detenzione e spaccio di stupefacenti. L’uomo è stato trovato in possesso di ben 110 grammi di cocaina. La droga, di ottima qualità, ben tagliata e con un elevato grado di purezza, avrebbe prodotto, sul mercato alcamese, circa 10.000 euro nell’approssimarsi delle festività periodo in cui sale, ogni anno, la richiesta e il consumo di cocaina e altri stupefacenti. A tradire il cinquantenne alcamese una manovra maldestra, nei pressi di un posto di blocco. La sua utilitaria, proveniente ... Continua a leggere »

Omicidio nelle campagne di Montelepre: dopo 11 anni arriva la verità

Sono trascorsi più di 11 anni ma i carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo sono riusciti a fare luce sull’omicidio di Bartolomeo Spatola, ucciso il 18 settembre del 2006, in una località tra Montelepre e Giardinello e poi seppellito in un terreno di Villagrazia di Carini. Il provvedimento restrittivo, emesso dal GIP di Palermo su richiesta della Procura distrettuale Antimafia, ha raggiunto i responsabili dell’omicidio, tre esponenti mafiosi: i noti boss Salvatore e Sandro Lo Piccolo, padre e figlio di 75 e 42 anni, e Andrea Adamo, palermitano cinquantacinquenne La svolta nelle indagini sul vecchio omicidio è stata data dalle ... Continua a leggere »

Incendiato il portone di uno studio legale ad Alcamo

bc04d834-daea-4620-8a90-2e5885202216

Episodio inquietante quello accaduto alle prime luci della mattina di oggi ad Alcamo nelle vicinanze del centro storico. Ignoti avrebbero dato alle fiamme il portone di uno studio legale sito nella parte iniziale di via S.S. Salvatore, vicino piazza della Repubblica. Al momento non ci sono elementi per comprendere se il gesto è frutto di una bravata o se diretto ai tre avvocati titolari dello studio. Continua a leggere »

Matteo Messina Denaro: pesantissimo blitz. Arresti, perquisizioni e irruzioni in tutta la provincia

messina-denaro

Un giovedì che i fiancheggiatori del superlatitante Matteo Messina Denaro ricorderanno a lungo. Il blitz di questa mattina della DDA di Palermo nella zona di Castelvetrano, è arrivato al culmine di una settimana in cui gli investigatori hanno passato al setaccio anche computers, taccuini, conti bancari e quant’altro. Duecento agenti della Squadra Mobile e dello Sco stanno ancora effettuando decine di perquisizioni nelle abitazioni di una trentina di fiancheggiatori del capomafia, tutti indagati per favoreggiamento. Gli elicotteri, oltre che Castelvetrano, monitorano anche altri comuni del trapanese. Matteo Messina Denaro è latitante dall’estate del 1993, dopo gli attentati di Roma, Firenze e Milano. Figlio del boss ... Continua a leggere »